Fast X, recensione: Dominic Toretto è il nuovo Avenger

Fast X, il decimo capitolo della saga principale, si avvia alla sua conclusione. L'inizio della fine è arrivato e Vin Diesel delizia il suo pubblico con un nuovo capitolo, puntando a sorprendere i suoi fan con ogni mezzo possibile. Leggi qui sotto la nostra recensione.

Fast X, diretto da Louis Letterier e scritto da Dan Mazeau e Justin Lin, è il decimo capitolo della saga principale Fast & Furious. Quando il mondo è in pericolo ecco che un nuovo supereroe è pronto a salvarlo. Dominc Toretto è l’Avenger di cui tutti noi non pensavamo di avere bisogno.

La fine della corsa ha inzio“. Quando tutto sembra tranquillo, per Toretto e la sua famiglia, ecco che un nuovo avversario è pronto a sconvolgere le loro vite. Questa volta la minaccia è molto più grande, perchè chi si trovano di fronte è un uomo senza pietà che ha come unico obiettivo quello di ucciderli tutti: è il diavolo in persona che si nasconde sotto il nome di Dante (Jason Momoa), emerso dalle ombre del passato e guidato dalla vendetta. Dom e la sua banda dovranno essere pronti a tutto pur di salvarsi, anche ad allearsi con il loro peggior nemico.

State attenti a Dominic Toretto in Fast X

Quando raggiungi l’impossibile puoi solo puntare allo straordinario e Vin Diesel riesce nell’intento, facendo di Dominic Toretto un vero e proprio supereroe. Le corse clandestine che hanno rappresentato la saga per anni, in Fast X scompaiono del tutto. Se fino al nono capitolo sono stati presenti dei piccoli richiami alle corse dei primi Fast & Furious, in quest’ultimo Vin Diesel ha fatto capire ai suoi fan che non ci saranno più neanche dei piccoli accenni.

Nella sequenza ambientata a Rio de Janeiro, dove Dom sfida Dante (Jason Momoa) ad una gara, sentiamo Toretto dire “dopo tutto siete venuti per vedere una corsa“. Una frase rivolta decisamente ai fan nostalgici di quei capitoli dove le gare con le macchine erano centrali. Quei tempi sono finiti e Vin Diesel lo sottolinea perfettamente, mostrando una corsa che si trasforma subito in esplosioni mortali.

Date una macchina a Dominic Toretto

Vin Diesel è Dominc Toretto in Fast X
Vin Diesel è Dominc Toretto in Fast X

Captain America ha lo scudo, Thor il martello e Dominic Toretto ha la sua macchina indistruttibile. Non importa cosa Dom debba affrontare, perché se ha la sua Dodge Charger R/T del 1970 può riuscire a fare qualsiasi cosa, anche distruggere una enorme bomba di metallo che rotola a velocità smisurata tra le vie di Roma.

Vin Diesel è il salvatore di una Roma in fiamme, il gladiatore dell’epoca contemporanea che combatte e salva le persone attraverso il suo mezzo a quattro ruote. Vedere distrutti alcuni monumenti di Roma fa il suo sporco effetto, ma non tutto funziona in questa sequenza se non la hit Bando di Anna, utilizzata per far entrare il pubblico nelle scene ambientate alla Capitale.

La sequenza ambientata a Roma, nonostante la sua forte componente spettacolare, risulta essere inverosimile anche in un contesto poco credibile come quello di Fast X. Ambientare a Roma una sequenza piena di inseguimenti e sparatorie, con polizia e carabinieri pronti a far fuoco, può distogliere l’attenzione del pubblico italiano, poiché non si può fare a meno di pensare che a Roma “certe cose non succedano“.

La famiglia in Fast X

Poster Fast X
Poster Fast X

Il legame indissolubile dei protagonisti è il punto forte dell’intera saga. La famiglia è tutto e Vin Diesel non smette mai di ricordarlo. La famiglia è un concetto così importante in Fast & Furious da far sentire lo spettatore parte di essa. Ogni componente non va mai dimenticato, perché solo tenendolo vivo nei nostri cuori possiamo riuscire a “non perdere la strada di casa“. Vin Diesel non vuole che Paul Walker venga scordato e grazie a strategie narrative riesce ancora a renderlo presente.

La famiglia non si abbandona e per quanto può sembrare difficile nessuno va lasciato indietro. Dominic Toretto non vuole perdere altri familiari ed è disposto a tutto pur di tenerli in vita. Il suo dolore è vivo e presente in ogni azione che compie.

Nessuno si abbandona

La saga di Fast & Furious è famosa per il motto del “a volte ritornano” perché quando qualcuno scompare in un modo o nell’altro si fa sempre tornare. Fast X regala ai fan ben due grandi ritorni, uno dei quali più inaspettato dell’altro, o forse no. Vin Diesel non può concludere la saga senza la sua famiglia al completo perché, come insegna Dominic Toretto, “nessuno va abbandonato“.

Fast X, tra corse all’ultimo sangue e grandi ritorni, dà il “via” all’ultima trilogia della saga più adrenalinica che ci sia. Inizialmente dovevano essere due i capitoli conclusivi, ma Vin Diesel si è lasciato sfuggire qualcosa di diverso durante un’intervista alla première di Roma (leggi qui per saperne di più). Fast X arriva nelle sale italiane il 18 maggio. Correte a vederlo e ricordate di allacciare le cinture.

Facebook
Twitter