Solo: A Star Wars Story, i fan vogliono il sequel e rilanciano l’hashtag #MakeSolo2Happen

Che Solo: A Star Wars Story sia un film difficile da giudicare lo sappiamo tutti (vedi la nostra classifica dei film di Star Wars). Dopo le vicissitudini produttive e il risultato al botteghino sotto le aspettative, ecco che Solo ritorna a far parlare. I fan invocano a gran voce un sequel e rilanciano l’hashtag #MakeSolo2Happen.

In molti hanno pensato ad un movimento legato al fermento per l’annuncio dello Snyder Cut degli scorsi giorni. Ma la situazione non sembra essere del tutto analoga. Primariamente per una differenza di gestione della Lucasfilm rispetto alla Warner. Non avremo infatti mai modo di scoprire quello che Phil Lord e Chris Miller avevano realizzato con il loro girato di Solo: A Star Wars Story prima del licenziamento e dell’arrivo di Ron Howard.

Eppure è curioso come su Twitter sia ri-nato un movimento che a suon di hashtag #MakeSolo2Happen ha cominciato a domandare a gran voce un seguito dello spin-off dedicato al personaggio reso leggenda da Harrison Ford e poi preso in mano dal bravissimo Alden Ehrenreich in Solo: A Star Wars Story. Il tutto inneggiando all’aggregazione positiva e priva di critica che il movimento vuole portare con sé.

Come abbiamo già anticipato #MakeSolo2Happen si tratta di un movimento nato l’anno scorso, a 365 giorni dall’uscita di Solo nei cinema. Del film si è parlato tanto dal 2018 a oggi, più che altro per via della resa commerciale non propriamente esaltante al box-office dovuta anche all’uscita decisamente troppo ravvicinata rispetto a Star Wars: Gli Ultimi Jedi.

Solo: A Star Wars Story

Bob Iger, CEO di Disney, si è sempre assunto la responsabilità dell’accaduto. Mentre Ron Howard ha dichiarato, qualche settimana fa, che lui si ritiene soddisfatto del lavoro svolto su Solo. “Date le circostanze del mio coinvolgimento con Solo, è stata un’esperienza grandiosa. Mi ha ricordato quanto io ami quello storytelling giocoso, l’azione, quanto mi piaccia la tecnologia. Preferisco gli attori, ma è comunque grandioso quello che puoi offrire al pubblico. Date le circostanze, con Phil e Chris che stavano lasciando il film e io che stavo subentrando, ci trovavamo a un punto in cui era tutta una continua riscrittura e una certa percentuale della pellicola che non era proprio stata girata.”

Per news e altri approfondimenti dal mondo del cinema e delle serie tv, continuate a seguirci su CiakClub.it!

Facebook
Twitter