Benvenuto Presidente! Può succedere davvero quanto si vede nel film?

Con Benvenuto Presidente! Il regista Riccardo Milani e Claudio Bisio portano in scene una commedia che si sviluppa all’interno del parlamento e della politica italiana. Il tutto nasce da un incomprensione causata dai parlamentari, ma quanto c’è di vero in ciò che succede?
Claudio Bisio in una scena del film Benvenuto Presidente!

Oggi, 23 dicembre 2023, andrà in onda sul canale RaiMovie alle 21:10, la commedia Benvenuto Presidente! Diretta da Riccardo Milani, la pellicola segue un Claudio Bisio coinvolto in una bizzarra vicissitudine politica. I politici votanti non riescono ad eleggere un nuovo Presidente della Repubblica. Stanchi di non riuscire a trovare un candidato consono, che posso guidare il paese in modo adeguato, i vari occupanti della poltrona votano, convinti che il voto verrà annullato, Giuseppe Garibaldi.

Sfortunatamente, o fortunatamente, per loro esiste un cittadino italiano, omonimo dell’eroe risorgimentale, che risulta incensurato e con più di cinquant’anni d’età. Perciò Giuseppe, detto Peppino, diventa il nuovo Presidente della Repubblica. La bizzarra vicenda trasporta così il nostro protagonista, un umile bibliotecario di un piccolo paesino del Nord Italia, all’interno delle più alte sfere del paese.

Il lungometraggio con protagonista Claudio Bisio, recentemente tornato in sala con il suo esordio alla regia, permette di porsi una domanda interessante: è effettivamente possibile quanto accaduto a Peppino? La risposta è no, e adesso vediamo perché. Tralasciando il discorso dell’età e dell’essere incensurati, nel momento in cui i parlamentari eleggono un nuovo Presidente, questi devono essere in grado di riconoscerlo. Quindi in caso di omonimia, chi vota è tenuto a specificare se il vincitore è effettivamente colui che è stato selezionato.

Il riconoscimento sopra citato risulta necessario perché il voto in questione è puramente nominativo. Ciò significa che una volta eletto Sergio Mattarella, qualsiasi omonimo potrebbe essere considerato il Presidente eletto. Ovviamente il riconoscimento entro in gioco proprio per evitare tali fraintendimenti.

Stasera potete recuperare Benvenuto Presidente! Altrimenti, se cercate qualcosa di più intenso, vi consigliamo un thriller diretto da Roman Polanski. Ricordate di lasciarci un commento con la vostra opinione sul film.

Facebook
Twitter