The Creator: perché è uno dei migliori film del 2023? Le recensioni

The Creator è il nuovo film del regista Gareth Edwards, che dopo Star Wars si dice influenzato da Blade Runner ed Apocalypse Now per il suo sci-fi che mette a tema il rapporto fra umani ed Intelligenze Artificiali. John David Washington e Madeleine Yuna Voyles sono i protagonisti: cosa ne pensa la critica?
The Creator: perché è uno dei migliori film del 2023? Le recensioni

The Creator è il nuovo film di Gareth Edwards, già regista di Godzilla (2014) e Rogue One: A Star Wars Story (2016). È uscito nelle sale italiane ieri, 28 settembre 2023, e già ha destato l’interesse di molti per le ottime impressioni che ha suscitato agli spettatori. Il “Creator” del titolo è un uomo che, a mo’ di demiurgo, ha plasmato le Intelligenze Artificiali in modo da distruggere l’umanità. Sarà il tema, estremamente sensibile ed attuale, ad aver concesso così tanto successo al film?

I pareri su The Creator

John David Washington è il protagonista di The Creator
John David Washington è il protagonista di The Creator

Il New York Times, nella recensione, apprezza l’idea provocatoria di The Creator: “tutto ciò che le Intelligenze Artificiali vogliono dagli umani… è un po’ d’amore“. Ciononostante rimprovera alla scenografia di essere poco uniforme, nella gestione della resa visiva di tecnologia e fantascienza.

4 stelline su 5 dal The Guardian, che riconosce ad Edwards il merito di aver catalizzato in un unico film le tendenze contraddittorie dell’attualissimo dibattito sull’Intelligenza Artificiale (sapete cosa ne pensa Guillermo del Toro?). Contribuisce, secondo il critico del Guardian, all’ottima resa del film la frequentazione del regista nell’universo di Star Wars: si sentono alcune influenze. Poi aggiunge altri titoli correlati: “è un film d’azione fantascientifico vecchio stile con alcune idee da abbinare a effetti digitali all’avanguardia, nella tradizione di Blade Runner di Ridley Scott o District 9 di Neill Blomkamp, con una strisciante paura dell’ignoto da colonialista per cui abbinarlo ad Apocalypse Now di Coppola“.

Non è dello stesso parere Variety: quelle influenze rendono il film un riciclo di “vecchi stereotipi“. Continuano i rimproveri, anche a John David Washington, il protagonista, su cui si vorrebbe far reggere tutto l’impianto emozionale del film, e che invece “ha una sola marcia: la rabbia“. Anche Variety cita Blade Runner, ma con disprezzo per The Creator, che vorrebbe provarci ma non riesce ad assomigliargli, e diventa un incrocio di tanto altro.

Alcune delle altre definizioni random: “uno sci-fi che si distingue in modo sbalorditivo“, secondo  Nicholas Barber della BBC; “una tecnologia per cui morire” (e dare 4 stelle su 5) quella di The Creator secondo The Empire. Da Npr, invece, avrebbero voluto una maggiore caratterizzazione dei personaggi – che “sembrano non avere vita propria” -, perché in questo modo il risultato è più quello di un tentativo di armonizzare la vita degli umani a quella dei robot, restando però tiepido e confusionario.

Insomma, voi cosa pensate di The Creator? Rotten Tomatoes parla chiaro, è più che sufficiente: 69% di reazioni positive dei critici. E voi spettatori? Preparatevi al film leggendo tutto quello che c’è da sapere!

Facebook
Twitter