The Creator: i film che l’hanno ispirato, da Star Wars al Vietnam

The Creator ha fatto il suo esordio nelle sale italiane il 28 settembre. Quello di Gareth Edwards, regista di Rogue One - A Star Wars, era sicuramente uno dei film più attesi dell’anno, ma quali sono le pellicole che l’hanno ispirato? Da Star Wars al Vietnam, da Akira a Blade Runner, andiamo a scoprirlo insieme con questo articolo.
The Creator: i film che l'hanno ispirato, da Star Wars al Vietnam

Era probabilmente uno dei film più attesi di questo anno cinematografico, e finalmente è arrivato nelle sale italiane il 28 settembre. Stiamo parlando ovviamente di The Creator, film fantascientifico diretto da Gareth Edwards, regista tra gli altri di Rogue One – A Star Wars Story, diventato sorprendentemente uno dei film più apprezzati dell’universo creato da George Lucas. Dopo un successo di questa portata ci chiedevamo con grande interesse, e anche un po’ di inevitabile aspettativa, quale sarebbe stato il prossimo passo nella sua filmografia. Quel passo è stato appunto il film con protagonista John David Washington, e non ha disatteso la nostra fiducia.

The Creator, fin dall’uscita del primo trailer, sembrava potersi affermare come uno dei blockbuster più interessanti dell’anno, sempre che si possa definire tale, considerando il budget di “soltanto” 80 milioni di dollari. Ma l’impressione, al buio della sala, è quella di essere di fronte a una produzione di altissimo livello, in cui ogni centesimo è stato speso nella maniera più consona. Il film di Gareth Edwards, oltretutto, vanta una sceneggiatura originale, scritta a quattro mani con Chris Weitz, e in un cinema di remake, reboot e adattamenti, non può che essere un valore aggiunto. 

Questo non significa però che lo stesso regista non abbia tratto ispirazione da altre pellicole, anzi, The Creator è sostanzialmente una splendida sintesi del cinema di fantascienza degli ultimi quarant’anni. E allora andiamo a scoprire quali sono i film che lo hanno ispirato, da Star Wars al Vietnam, fino a Blade Runner e al cinema di Neill Blomkamp.

The Creator: le ispirazioni di Gareth Edwards

Un'immagine tratta dal poster di The Creator
Un’immagine tratta dal poster di The Creator

Se dovessimo elencare quanti film affiorano alla mente durante la visione di The Creator, probabilmente non basterebbe un articolo. Lo stesso Gareth Edwards è venuto però in nostro aiuto, e nel Febbraio del 2020, quando il film era ancora in una fase embrionale, aveva già stilato una lista di alcune delle pellicole alle quali si era dichiaratamente ispirato. Partiamo ovviamente da un capolavoro che abbiamo già menzionato precedentemente, ovvero Blade Runner

Guardando il design di alcune delle futuristiche città asiatiche che il film ci mostra, la mente non può che andare infatti alla Los Angeles distopica di Ridley Scott. Per non parlare ovviamente degli androidi, concettualmente simili ai celeberrimi replicanti. Il regista ha poi menzionato Apocalypse Now, altra ispirazione che salta subito all’occhio, tra forti parallelismi con la Guerra del Vietnam e un approccio registico in alcune scene che ricorda quello di Francis Ford Coppola. Impossibile poi non citare Akira, anch’esso grande fonte di ispirazione per il world building effettuato da Gareth Edwards.

Potremmo poi continuare con Terminator, e il mito dell’eterna lotta tra l’uomo e la macchina, Star Wars ovviamente, con un’arma che ricorda moltissimo la Morte Nera e un’ode al sacrificio che riporta alla mente Rogue One, ma anche il cinema di Neill Blomkamp, soprattutto District 9, da cui il regista sembra ispirarsi per rappresentare la Los Angeles apocalittica dopo lo scoppio della testata nucleare. E poi Edwards ha citato Rain Man, E.T. – L’Extraterrestre, Paper Moon e molti altri. Insomma, cinema originale certo, ma con sempre uno sguardo a chi ha reso grande il genere.

Avete visto The Creator? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti. Qui intanto trovate la nostra recensione. Per questo e molti altri approfondimenti sul mondo del cinema e della serie TV, rimanete sintonizzati sui nostri canali. 

Facebook
Twitter