Super Mario Bros., John Leguizamo (ex Luigi) lo boicotta: “Non è inclusivo”

Da poco nelle sale troviamo Super Mario Bros., il film tratto dal mondo del celebre videogioco. Le polemiche tuttavia non si sono fatte attendere, soprattutto da parte dell’attore John Leguizamo, che aveva interpretato Luigi nella versione flop del 1993, già allora come oggi, ritenendolo poco inclusivo per quanto riguarda il casting.
uper Mario Bros., John Leguizamo lo boicotta: "Non è inclusivo"

Super Mario Bros. è il film (attualmente nelle sale) targato Nintendo-Illumination sul celebre personaggio dei videogiochi. Il film ha diviso critica e pubblico, ma soprattutto, ha suscitato l’ira di un importante ex componente del mondo del celebre personaggio: si tratta di John Leguizamo, che aveva vestito i panni di Luigi nella versione live-action del 1993 diretta da Rocky Morton e Annabel Jankel. 

Secondo John Leguizamo, infatti, la scelta del cast sarebbe assolutamente non inclusiva, ragion per cui, ha detto l’attore, boicotterà il film. Queste le sue dichiarazioni rilasciate in occasione di un’intervista a TMZ: 

No, non lo guarderò. Avrebbero potuto includere un personaggio latino. Era partita come una faccenda rivoluzionaria e poi si sono fermati. Hanno fatto confusione sul discorso dell’inclusività. Lo hanno reso non inclusivo. Assumete qualcuno di latino, gente! Siamo il 20% della popolazione. La fetta di popolazione di colore più grande e manchiamo di rappresentazione.”

Super Mario Bros: l’inizio delle polemiche

Super Mario Bros. Le due versioni
Super Mario Bros. Le due versioni

La critica dell’ex Luigi non ha avuto in realtà inizio con l’uscita nelle sale dell’ultima versione, (di cui vi proponiamo qui la recensione), ma già con la versione del 1993. Effettivamente, John Leguizamo stava vestendo i panni di un personaggio di origine italiana, certamente non latina.

La critica dell’attore si è fatta poi più acerba con questa versione, in primis successivamente all’annuncio del casting per il fim: Chris Pratt e il collega Charlie Day, che avevamo visto al lavoro su The Lego Movie, prestano infatti la voce ai due protagonisti, Mario e Luigi: due attori quindi di origine americana

Successivamente Leguizamo ha parlato del tentativo dei registi di includerlo nel cast, ma la produzione, sembrerebbe, si è opposta. Ad ogni modo, le critiche hanno accompagnato entrambi gli archi temporali per la cinematografia del celebre videogioco: dalla prima versione, ritenuta un flop totale, a quest’ultima, che dimentica l’apertura ai tempi che, fortunatamente, iniziano a cambiare.

E voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con le critiche sull’ultimo Super Mario Bros? Fatecelo sapere nei commenti!

Facebook
Twitter