Mad Max: come ha perso il braccio Furiosa?

Mad Max: Fury Road è riuscito a presentare uno dei personaggi più iconici della saga ideata da George Miller. Furiosa: A Mad Max Saga porta in sala il passato dell’imperatrice, svelando numerosi retroscena sulla sua figura, tra cui quello legato al suo braccio meccanico.
Anya Taylor-Joy in una scena di Furiosa: a Mad Max Saga

Furiosa: A Mad Max Saga è finalmente arrivato in sala, riportando il pubblico all’interno del mondo post-apocalittico ideato da George Miller. Il film, oltre che fare da prequel alle vicende di Fury Road, approfondisce l’universo delle Terre Desolate e dei suoi abitanti. Prima fra tutti, ovviamente, Furiosa, la cui storia ha iniziato con lei in tenera età per arrivare poi alla fuga sulla blindocisterna vista in Fury Road.

Attraverso il film, di cui trovate qui la nostra recensione direttamente da Cannes,  veniamo a conoscenza di diverse dinamiche che nel titolo precedente vengono solo accennate oppure completamente ignorate. Una delle curiosità che più attanaglia i fan è quella riguardante il braccio meccanico della protagonista. Cosa è successo al braccio di Furiosa? Da dove arriva la protesi meccanica? Finalmente abbiamo una risposta per ogni domanda lasciata aperta da Fury Road. ATTENZIONE, seguono SPOILER.

La storia dietro al braccio di Furiosa

Il braccio di Furiosa assume un ruolo molto importante nel film, senza limitarsi ad essere un rimando al titolo precedente. Dopo essere stata rapita da Dementus, la ragazza tatua sul suo avambraccio la mappa stellare attraverso la quale può ritrovare la via di casa. Un simbolo non solo di speranza per la ragazza, ma il ricordo di una promessa. La ragazza trascorre 15 anni in attesa di vendetta, pronta a tornare nel luogo al quale appartiene.

Ma la speranza non appartiene più a Furiosa, ormai accecata completamente dall’odio e dal desiderio di vendetta. Dopo essere stati assaliti da Dementus a Bullet Farm, Furiosa e Pretorian Jack si danno alla fuga. Il tiranno interpretato da Chris Hemsworth si lancia all’inseguimento con il suo monster-truck. Fianco a fianco, le auto sfrecciano nel deserto. Da un lato Furiosa che tende la mano all’esterno per sparare al suo bersaglio, dall’altro Dementus, che ne approfitta per schiacciare il braccio alla ragazza con le sue gigantesche ruote.

Furiosa e Pretorian Jack finiscono prigionieri. Dementus decide di torturare Jack, mentre Furiosa, legata dal braccio malandato, guarda impassibile la scena. Passano le ore, diventa notte, e mentre Jack è ormai morto, Furiosa approfitta di un momento di distrazione per tagliarsi il braccio e scappare. La speranza è ormai stata avvolta dall’odio, non c’è un posto nel quale tornare. Ovunque Furiosa si giri c’è solo desolazione e morte. 

Tornata alla Cittadella, Furiosa costruisce il suo braccio meccanico, alimentato da un piccolo motore a combustione posto sulla spalla. Le sue dita ora sono armi, strumenti per compiere la sua vendetta e uccidere Dementus. Ma di questo ne parliamo meglio qui, dove vi raccontiamo il finale di Furiosa: A Mad Max Saga. Come sempre, vi aspettiamo nei commenti per conoscere la vostra opinione sul film.

Facebook
Twitter