Loki 2, tutti gli Easter Egg dell’episodio 2 che (forse) non hai visto

La seconda stagione di Loki sta tenendo i fan in fermento, lasciandoli aspettare un’intera settimana per l’episodio successivo. Loki 2 esce su Disney+ ogni venerdì infatti, ma per capire fino in fondo e non perdere tutti i dettagli di ogni puntata 7 giorni potrebbero non essere abbastanza. Ecco gli Easter Egg nascosti nel secondo episodio!
Owen Wilson e Tom Hiddleston in una scena della serie Loki 2

La serie con protagonista Tom Hiddleston è già dalla prima stagione intrigante proprio per la quota di ordine nel disordine che i temi del tempo, delle varianti e dei piani temporali permettono di intensificare. Loki 2 in questo continua a non deludere, inserendo nella già corposa mole di riferimenti e intrecci della trama anche dei bonus che esulano dalla trama in sè. Si tratta dei cosiddetti Easter Egg, che rimandano ai fumetti, alle vicende del MCU, alla stagione precedente.. come se già la trama non bastasse insomma. Per non perdervi fra le diramazioni della TVA, ecco la nostra guida agli Easter Egg del secondo episodio! (Un po’ come il manuale di O.B.)

Se non avete visto l’episodio fate attenzione: PUÒ CONTENERE SPOILER!

Il più evidente arriva subitissimo. Ci basta leggere il titolo per dire già: “ma guarda tu!“. Sì, perché addirittura contiene un rimando a Breaking Bad, proprio quella di Walter White insomma. L’episodio, giocando col nome che la variante X-5 ha assunto nella vita reale, Brad Wolfe, si intitola proprio Breaking Brad (noi l’abbiamo recensito in quest’articolo). Ed è chiaramente un occhiolino alla serie che tutti conosciamo.

Loki e Mobius, per rintracciare Brad Wolfe che fa l’attore in una delle linee temporali, sbarcano nel 1977. È un riferimento al proprio universo, perché in quell’anno è stato presentato in anteprima A New Hope, il primo film di Star Wars della Lucasfilm, proprietà Disney al pari di Marvel e MCU.

Prima di raggiungere Brad, Mobius e Loki passano davanti ad alcune copertine di film: troviamo un omaggio a Kingo, eroe di Eternals, ed un altro a Phone Ranger, comparso tre volte nei fumetti Marvel.

Uno degli Easter Egg più curiosi di questo seconda puntata di Loki 2 riguarda Zaniac. Brad Wolfe, infatti, nelle vesti di attore, sta interpretando un film su un serial killer dal titolo Zaniac!. Questo è anche, però, il nome di un personaggio dei fumetti Marvel che prende il controllo di un attore chiamato (guarda caso) Brad Wolfe e finisce per battersi addirittura con Thor!

Durante l’interrogatorio di Brad Wolfe/X-5, poi, quest’ultimo attacca Loki sul personale, rimproverandogli di essere una rovina per tutto e per chiunque. Fra le varie situazioni rovinose che cita, c’è anche la vicenda della madre Frigga. Si tratta di un evento che riguarda il Loki originale, avvenuto in Thor: The Dark World. Lì il Dio dell’inganno è stato accidentalmente coinvolto nell’uccisione di sua madre.

Dopo aver convinto X-5 a rivelare tutto quello che sa su Sylvie, Loki riesce a raggiungerla nel McDonald’s in cui l’abbiamo vista lavorare nella scena post-credit del primo episodio di Loki 2. Bene, il fast food in questione si trova a Broxton, in Oklahoma. La stessa cittadina in cui, nei fumetti Marvel, Asgard in seguito agli eventi di Ragnarök trova la sua nuova casa.

Se siete stati attenti al secondo episodio di Loki 2, avete poi scoperto quanti agenti della TVA sono caduti sotto le mani di Sylvie. Lo rivela X-5: 400 uomini. Quindi ora lo sappiamo: c’è da temerla d’ora in avanti, lo lascia intendere anche il finale di puntata.

Facebook
Twitter