Killers of the Flower Moon di Scorsese sarà prodotto dalla Apple

Deadline annuncia in esclusiva l’accordo tra Paramount e Apple, che finanzieranno il dispendioso progetto di Martin Scorsese, Killers of the Flower Moon.

Dopo un iniziale accordo con la Paramount, che ha comprato tempo fa il progetto dall’Imperative Entertainment, il budget per la produzione si è fatto sempre più oneroso, fino a raggiungere la cifra di 200 milioni di dollari. 

Una cifra considerevole, se si considera che il suo ultimo film, The Irishman, era visto come uno dei più dispendiosi e aveva raggiunto i 159 milioni di dollari. In quel caso, la produzione era stata salvata da Netflix, che pur di accaparrarsi il grande maestro Scorsese si era fatta carico degli oneri finanziari.

Questa volta, nonostante tutti (Netflix, Apple, MGM…) fossero interessati a sostenere il progetto, è stata la Apple ad aggiudicarsi l’accordo. I contratti ufficiali devono ancora essere firmati, ma l’accordo comprende sia Apple che Paramount. La prima, verrà considerata produttrice del film e quindi Killers of the Flower Moon sarà un originale Apple. La seconda, invece, si occuperà della distribuzione in sala a livello mondiale.

Scorsese

Un compromesso che rende tutti felici, Apple e Paramount, ma anche sostenitori dello streaming vs sostenitori dei cinema. Infatti, il film (per la gioia di Scorsese) avrà una distribuzione nelle sale più massiccia, rispetto a quella limitata offerta da Netflix per la precedente pellicola. Inoltre, sarà disponibile sulla piattaforma streaming di Apple.

L’appeal di Killers of the Flower Moon è evidente: Scorsese in regia e nel cast, come protagonisti, Leonardo DiCaprio e Robert De Niro. Si tratta del primo film di genere western per il regista, ma la trama ha al suo interno anche una vena di poliziesco.

La storia, infatti, consiste nell’investigazione da parte dell’appena nato FBI (capitanato da Leonardo DiCaprio) su una serie di omicidi perpetrati contro la tribù Osange dai magnati del petrolio americani.

Questa e altre notizie nella sezione news di CiakClub.

Facebook
Twitter