Jumanji 2: il sequel arriverà nelle sale per Natale 2019

Jake KasdanJumanji – Benvenuti nella Giungla (di cui trovate la recensione qua) si è rivelato un successo clamoroso. Il film di Dwayne Johnson, con un budget di 90 Mln, ha incassato ben 956 Mln (fonti Box Office Mojo), ben tre volte più dell’originale del 1995. Dopo questo risultato era ovvio pensare all’arrivo di un Jumanji 2.

Nei mesi scorsi erano stati confermati gli sceneggiatori la star del momento, Dwayne “The Rock” Johnson. Durante il CinemaCon si è espresso su Jumanji 2 il capo di Sony Pictures Motion Picture Group, Tom Rohtman, andando a confermare la sua lavorazione ed il suo arrivo in sala durante il 2019, più precisamente nel periodo natalizio. Si prospetta quindi un grande scontro al box office tra il film, Star Wars Episodio IX e l’adattamento del musical Wicked. Lo script è già in stesura con Scott Rosenberg e Jeff Pinkner al lavoro, ancora non è confermato il ritorno in regia di Jake Kasdan. Sugli altri membri del cast (Kevin Hart, Jack Black e Karen Gillan) non si hanno notizie.

Jumanji 2

Sinossi Jumanji – Benvenuti nella Giungla

Sequel del celebre film di Joe Johnston del 1995 che vedeva protagonista Robin Williams. Jumanji 2 – Benvenuti nella giungla proietta lo spettatore direttamente nella natura incontaminata, mostrata a ogni lancio di dadi nella prima trasposizione cinematografica dell’albo illustrato di Chris Van Allsburg.
Quattro liceali in punizione trovano una vecchia console per videogiochi nei seminterrati della scuola. Incuriositi dal gioco vintage ambientato nella selvaggia giungla di Jumanji, si prendono una pausa dalle pulizie e iniziano la partita. Una volta premuto il tasto start, i ragazzi scoprono con orrore di essere stati risucchiati dentro al gioco, e per di più con le sembianze adulte degli avatar selezionati. Il secchione del gruppo ci guadagna la prestanza fisica dell’esploratore Smolder Bravestone (Dwayne Johnson), mentre l’atleta tutto muscoli deve adattarsi alle gambe corte e alla mente galoppante dello zoologo Franklin “Moose” Finbar (Kevin Hart). E se la ragazza timida e riservata si ritrova con addosso gli abiti succinti della letale guerriera Ruby Roundhouse (Karen Gillan), alla bella della scuola tocca abituarsi a quelli extra large del grassoccio professor Shelly Oberon (Jack Black). I quattro scoprono presto di essere finiti in una folle prova di sopravvivenza, dove l’unico modo per tornare alla realtà è portare la pedina del giocatore – l’avatar in questo caso – alla vittoria. Guai a innescare il game over, o si rischia di restare bloccati nella giungla come Alan Parrish vent’anni prima.

Questa ed altre notizie su Ciakclub

Facebook
Twitter