Il massacro di Fort Apache e la storia vera del Generale Custer

Il film di John Ford del 1948 non narra il vero Massacro di Fort Apache, ma si basa sulla Battaglia di Little Bighorn del 1876, dove il Generale Custer e il suo 7° Cavalleria furono annientati dai nativi americani. Il film offre una visione romantica e controversa di Custer e della sua ultima resistenza.
Henry Fonda è il colonnello Oswald Turner nel film Il massacro di Fort Apache

Nella storia del cinema americano, pochi episodi hanno suscitato tanta passione quanto la rievocazione del Massacro di Fort Apache. Tuttavia, molti spettatori non sanno che il film Il Massacro di Fort Apache, diretto da John Ford nel 1948, non racconta il vero evento. Il film si ispira alla celebre Battaglia di Little Bighorn del 1876. Capiamo insieme il rapporto tra il film e la storia vera del Generale Custer, in particolare del suo fatale destino.

La Battaglia di Little Bighorn, conosciuta anche come l’Ultima Resistenza di Custer, fu uno degli eventi più drammatici e discussi della storia americana del XIX secolo. Avvenne il 25 e il 26 giugno 1876 nelle pianure del Montana. Le truppe del Generale George Armstrong Custer e il 7º Cavalleria si scontrarono con i nativi americani Lakota Sioux e Cheyenne, guidati da capi leggendari come Toro Seduto e Cavallo Pazzo. Contrariamente a quanto suggerisce il titolo, Il Massacro di Fort Apache non si riferisce direttamente all’evento storico di Fort Apache. La pellicola si basa sulla trama e sui personaggi ispirati dalla Battaglia di Little Bighorn. 

La scelta di usare Fort Apache nel titolo ha consentito di collegare il film alla serie di pellicole della Trilogia della Cavalleria di Ford, ma non riflette fedelmente l’ambientazione o gli eventi della vera battaglia. Nella versione cinematografica di Ford, Henry Fonda interpreta il Generale Custer, che ricorderete in C’era una volta il West (scopri dove hanno stato girato il film). L’attore impersona al meglio l’eroismo e la determinazione del generale. Tuttavia, la rappresentazione di Custer come un eroe romantico ha ricevuto numerose critiche. Molti storici sostengono che il vero Custer fosse molto più complesso e ambiguo di quanto mostrato nel film.

È importante sottolineare che mentre Il Massacro di Fort Apache offre una visione affascinante sulla Battaglia di Little Bighorn e sul ruolo del Generale Custer in essa, la narrazione cinematografica può prendere libertà artistiche per scopi drammatici ed espressivi. Ciò può portare a una rappresentazione semplificata o distorta degli eventi storici e dei personaggi coinvolti. Pertanto, per una comprensione completa della Battaglia di Little Bighorn e del ruolo del Generale Custer in essa, è necessario andare oltre le semplificazioni e le idealizzazioni presenti nel cinema e confrontare la narrazione cinematografica con le testimonianze storiche e gli studi accademici. 

Nel vero scontro, il generale George Armstrong Custer e il suo 7° Cavalleria attaccarono il villaggio indiano sul fiume Little Bighorn. Ma l’esercito intensificò la sua campagna per sottometterli e confinarli nelle riserve. La battaglia è diventata un simbolo della resistenza indiana e della brutalità militare. 

Lo scontro avvenne il 25 giugno 1876, vicino al torrente di Little Bighorn, nel Montana. In cinque ore di movimenti strategici sul campo di battaglia e soli 25 minuti di fuoco, persero la vita oltre 200 soldati statunitensi. Ciò segnò la più storica vittoria – seppure successivamente pagata a carissimo prezzo – dei nativi americani. Il Massacro di Fort Apache andrà in onda stasera su Rai Movie! Se questo tema vi interessa, vi consigliamo di recuperare il film Killers of the Flower Moon, di cui trovate anche la rceensione!

Facebook
Twitter