Cate Blanchett accusa Weinstein: “Ha molestato anche me”

Anche Cate Blanchett si schiera contro Harvey Weinstein, unendosi al coro di #MeToo.  L’attrice premio Oscar sostiene di aver subito delle molestie dall’ex produttore: “Mi dava un brutto feeling. Mi diceva spesso: ‘Non siamo amici’. E perché? Perché non facevo quello che mi chiedeva di fare”. La Blanchett è sempre stata una convinta attivista di Time’s Up. Non aveva mai parlato, tuttavia, dell’ex boss della Miramax. Lo ha fatto rivolgendosi a Variety“Purtroppo – afferma –  è tipico di certi uomini. Li voglio vedere sotto processo. Dobbiamo stabilire precedenti legali”.

Weinstein
Cate Blanchett e Woody Allen

Poi ha argomentato ampiamente: “Non torneremo al punto zero. Questa conversazione è stata portata avanti da tante donne singole per decenni in situazioni isolate. Ciò che fa la differenza oggi è la dimensione collettiva che attraversa i diversi ambienti di questo movimento”.

La notizia è dunque in continuità con le gravissime accuse subite da Weinstein negli ultimi mesi, le quali hanno comportato il fallimento della sua società. Gli studi Weinstein Company ieri sono stati venduti alla società di private equity Lantern Capital, mettendo fine alla battaglia legale che era in corso. Cate Blanchett, quindi, si unisce alle oltre 70 donne che hanno denunciato; l’ex produttore è stato messo sotto inchiesta sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, da polizie e magistrature.

Weinstein
Weinstein e Peter Jackson, insieme hanno fatto Il Signore degli Anelli

Intanto, è tornata a parlare anche Ashley Judd. L’accusatrice fa parte delle cinque donne legate alle indagini della procura di Los Angles. La CNN l’ha intervistata: “Gli interrogatori della polizia sono stati difficili psicologicamente. Mi hanno fatto rivivere il passato ed è stato spaventoso, ma adesso non mi sento più vittima, sono una donna forte”. Poi conclude: “Sono pronta a dire la mia adesso e molte altre volte in futuro per dare un esempio ai miei figli”. Secondo la televisione americana, dei cinque casi californiani questo sarebbe quello che più probabilmente porterà a un’incriminazione.

Inoltre, al centro delle polemiche c’è il fatto che Peter Jackson – che aveva collaborato con Weinstein per Il Signore degli Anelli – ha detto che lui avrebbe definito la Judd “un’attrice impossibile con cui lavorare”.

 

 

Facebook
Twitter