Basic Instinct: perché la scena con Sharon Stone fu uno scandalo?

Stasera potrete recuperare, o vedere per l’ennesima volta, Basic Instinct. Il film scatenò numerose controversie, tra cui quella che coinvolse l’iconica scena dell’interrogatorio. Ripercorriamo il lavoro del regista in quel frangente e capiamo per quale motivo scoppiò lo scandalo.
Sharon Stone in una scena del film Basic Instinct

Oggi, 9 marzo 2024, andrà in onda, alle 21:00 su Iris, Basic Instinct, pellicola del 1992 diretta da Paul Verhoeven. Presentato in concorso alla 45a edizione del Festival di Cannes, il film, nonostante un importante successo al botteghino, venne pesantemente criticato per il contenuto sessualmente esplicito, violento e per la rappresentazione delle relazioni omosessuali.

L’interno ciclo vitale del progetto è stato fortemente colpito da dissensi, e molte sono state le polemiche nei confronti del regista e dello sceneggiatore. La scena più iconica di tutto il lungometraggio è stata la più discussa dell’intero progetto. Come probabilmente avete già intuito, si tratta del momento nel quale, durante l’interrogatorio tra il personaggio della Stone e gli agenti del commissariato, lei accavalla le gambe. Se vi serve una rapida infarinatura della trama del film, qui potete trovare l’articolo che fa al caso vostro. Prima di addentrarci nelle controversie, analizziamo un attimo la scena. 

Paul Verhoeven costruisce un botta e riposta constante tra la Stone e i poliziotti. Le atmosfere noir sono al massimo: stanza da interrogatorio, luci di taglio che segmentano le inquadrature con le ombre e fumi di sigarette. L’incontro è impari, 5 contro 1. Nonostante ciò a dirigere le danze è la Stone, una vera femme fatale. Il regista ci comunica chi è in vantaggio attraverso la regia, sfruttando i primi piani. Inizia l’interrogatorio, posta la prima domanda, la Stone incalza subito con una risposta efficace, mentre il regista si avvicina al suo volto. Primo Piano, lei è in vantaggio.

Gli agenti sembrano in difficoltà, Verhoeven li mostra attraverso una breve panoramica, sono senza parole. Ma ecco subito un altro primo piano, questa volta è il poliziotto interpretato da Wayne Knight a porre con sicurezza la domanda. Ma la Stone è pronta, questa volta è lei ad avvicinarsi alla camera. La risposta segna ancora il vantaggio della donna. La danza continua, fino alla famosa scena incriminata. Questa segna l’inizio della seconda parte dell’interrogatorio. La donna, nettamente in vantaggio inizia uno scontro 1 vs 1 con il personaggio di Michael Douglas. 

Anche se l’uomo cerca di tenerle testa (lo dicono i suoi primi piani più incisivi), la Stone ha la meglio. Ecco che la regia si rilassa, inquadrature più ampie. La Stone ha dominato i suoi avversari, ha preso il controllo della situazione, ora è lei che comanda, come suggerisce la sua posizione, rilassata ma decisa. Suona la campana, fine dell’incontro. Una scena perfettamente studiata e costruita dall’inizio alla fine. I ruoli si ribaltano, la tensione cresce e decresce, e la regia parla attraverso i suoi movimenti.

Veniamo ora al momento tanto discusso. La scena di Basic Instinct che, per ovvi motivi, fece tanto scalpore, nasconde una realtà ben peggiore di quella che si può pensare. Il regista ha spesso utilizzato un approccio discutibile sul set. Nonostante lui non abbia mai chiarito veramente la questione, la Stone, durante un’intervista, ha rivelato che fu Verhoeven a chiederle di non indossare la biancheria intima perché il bianco veniva evidenziato troppo dalla cinepresa. 

L’uomo assicurò alla donna che non si sarebbe visto nulla nell’inquadratura, ma la Stone, durante la proiezione a Cannes, scoprì che così non era. Per questo, a fine proiezione, lei si recò dal regista e lo schiaffeggiò. Una cosa simile successe con la prima scena di sesso tra la Stone e Douglas, che vennero filmati a loro insaputa, convinti che quella fosse solo una prova. Lo scandalo perciò fu quasi inevitabile. Se non si considera la natura del film, che già di per sé lascia campo libero alle polemiche, i comportamenti del regista non hanno sicuramente aiutato.

Se siete comunque interessati ad approfondire Basic Instinct, stasera potrete recuperarlo. Qui vi lasciamo la nostra recensione del film, in attesa delle vostre opinioni nei commenti.

Facebook
Twitter