Writers Guild Awards (WGA) 70esima edizione: ecco le Nominations

Rese note le Nominations per la settantentesima edizione dei Writers Guild Awards (WGA), i premi assegnati agli sceneggiatori di cinema, Tv e radio dal Writers Guild of America, West and East.

La Writers Guild of America ha finalmente rivelato le candidature per I Writers Guild Awards (WGA) che verranno consegnati durante la cerimonia che si terrà il prossimo 11 febbraio, in simultanea, all’Edison BallRoom di New York e al  Beverly Hills Hilton di Los Angeles.

WGA

Il Premio, assegnato dai due sindacati americani a tutela degli scrittori, è stato istituito nel 1949 e si appresta a celebrare la sua settantesima edizione. Ma veniamo alle Nominations:

Si contendono il premio per la miglior Sceneggiatura originale, The Big Sick , la commedia romantica di Michael Showalter; Get Out – Scappa, scritto e diretto da Jordan Peele; I, Tonya il film sportivo diretto da Craig Gillespie con Margot Robbie; Lady Bird di Greta Gerwig The Shape of Water di Guillermo del Toro.

Tra le nominations per Sceneggiature non originali, spiccano Mudbound basato sul libro omonimo di Hillary Jordan; Molly’s Game tratto dal libro di Molly Bloom; Chiamami con il tuo nome basato sul romanzo di Andrè Aciman; The Disaster Artist basato sul libro omonimo e Logan, tratto dai fumetti degli X-Men.

Betting on Zero, Jane, No Stone Unturned e Oklahoma City concorrono per la categoria Miglior Sceneggiatura di un Documentario;

Le candidate per la Tv, nella categoria Serie Drammatica troviamo delle note glorie: The Americans, Better Call Saul – la serie Spin-off di Breaking Bad -; Game of Thrones, The Handmaid’s Tale e infine, la Serie Tv delle conferme: Stranger Things.

La contesa per la Miglior sceneggiatura in una Serie Tv comica, vede contrapporsi Glow e Master of None, insieme a Curb your Enthusiast, Silicon Valley e Veep.

Glow Handmaid’s Tale concorrono anche per la categoria Nuova Serie, insieme a American Vanda, The Deuce, e Ozark.

Leggi anche Accordo Disney/Fox:Writers Guild of America si ribella e chiede l’intervento dell’Antitrust

Facebook
Twitter