The Palace: trama, cast e com’è l’ultimo film di Polanski

Roman Polanski torna al cinema con The Palace, quattro anni dopo a L’ufficiale e la spia. Presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia, il film non ha però ricevuto un’accoglienza molto positiva. Ecco quindi un articolo che raccoglie tutto quello che c’è da sapere sul film, dalla trama, al cast passando per le recensioni internazionali.
The Palace: trama, cast e com'è l'ultimo film di Polanski

A distanza di quattro anni da L’ufficiale e la spia, anch’esso presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, Roman Polanski torna nelle sale italiane con The Palace, alla veneranda età di novant’anni. Fin dall’uscita del trailer, l’ultima pellicola dello straordinario regista francese, sembrava uscire completamente dagli schemi di quel cinema che ha segnato la sua carriera. Certo aveva tentato l’approccio alla commedia con Carnage, sebbene non si possa definire tale, in fin dei conti, ma The Palace è piuttosto una satira lontanissima da quel cinema sofisticato che siamo abituati ad associare alla sua figura. Ma analizziamo il film nel dettaglio. 

The Palace: la trama

Ambientato il 31 dicembre del 1999, al Palace Hotel di Gstaad, in Svizzera, The Palace segue le vicende di uno sfaccettato gruppo di eccentrici personaggi durante il giorno che porterà, al rintocco della mezzanotte, all’inizio di un nuovo millenio. Al centro della narrazione troviamo il soggiorno nel lussuoso hotel della stravagante clientela che arriva per passare appunto un ultimo dell’anno indimenticabile. Tra la paura di un fantomatico millennium bug e le assurde e pedanti richieste, Hansueli, il manager dell’hotel, cerca di destreggiarsi tra un inconveniente e l’altro, con la speranza che tutti gli altolocati ospiti della struttura passino la miglior serata della loro vita.

The Palace: il cast

Un'immagine di Mickey Rourke in The Palace
Un’immagine di Mickey Rourke in The Palace

Per il suo ultimo film, in ordine cronologico e non perché sia effettivamente l’ultimo della sua filmografia, Roman Polanskisceglie un cast funzionale a quella satira che caratterizza il film, senza poter contare su grandi nomi, escludendo Mickey Rourke. È proprio quest’ultimo, tornato sotto la luce dei riflettori grazie a The Wrestler, a vestire i panni di uno dei protagonisti principali, insieme a volti noti del cinema come Oliver Masucci, Fanny Ardant, John Cleese e Luca Barbareschi, ma soprattutto al fianco di attori minori come Milan Peschel, Bronwyn James, Fortunato Cerlino e Michelle Shapa, fisicamente perfetti per i rispettivi ruoli. 

L’accoglienza generale e le recensioni della critica

Un'immagine di The Palace di Roman Polanski
Un’immagine di The Palace di Roman Polanski

Fin dalla sua anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia, The Palace è sembrato essere un film totalmente avulso alla carriera di Roman Polanski, per approccio certo, ma soprattutto per caratura cinematografica. Sorprendente, purtroppo in senso negativo, l’ultimo film del regista francese è stato ormai più volte equiparato a un cinepanettone, e sfortunatamente il paragone non è così eccessivo. Per la critica internazionale The Palace è un vero e proprio disastro cinematografico, con punteggi che oscillano dall’impietoso 0% di recensione positive su Rotten Tomatoes, passando per il 4,8 di IMDb, che certifica quindi anche lo scorso apprezzamento da parte del pubblico.

Xan Brooks sul The Guardian lo definisce una “pacchiana farsa alberghiera” e “la festa peggiore della città”, mentre l’Hollywood Reporter non è molto più clemente e forse rincara la dose etichettando la pellicola come “una terribile satira di classe”. Variety titola la propria recensione in questo modo: “la commedia di Capodanno di Roman Polanski su un gruppo di ricchi idioti è una debacle senza risate”. Deadline invece aggiunge: “la terribile commedia alberghiera di Roman Polanski rende il controverso regista uno zimbello”.

Insomma farete fatica a trovare una qualsivoglia lode a The Palace, e nel frattempo, se volete, questa è la nostra recensione. Anche noi purtroppo siamo rimasti molto amareggiati, ma la palla adesso passa a voi. Fateci sapere qui sotto nei commenti se avete visto l’ultimo film di Polanski, e soprattutto cosa ne pensate. 

Facebook
Twitter