Raccoon City: “Questo film non ha niente a che fare con i precedenti”

Il 24 Novembre potremmo tornare ad apprezzare la saga di Resident Evil grazie a un peculiare cambio di rotta fortemente voluto da Johannes Roberts. Il regista della pellicola ha infatti dichiarato che Raccoon City sarà un capitolo totalmente diverso dai precedenti per via di un nuovissimo approccio che tenderà a lasciare in secondo piano le influenze fantascientifiche. Parola d’ordine per questo nuovo stile sarà, dunque, ritorno alla “realtà”.

Cosa cambierà nel nuovo capitolo: le parole di Johannes Roberts.

Johannes Roberts ha affermato, ai microfoni della IGN, che Raccoon City si è staccato totalmente da quei standard cinematografici a cui la saga era precedentemente ricordata. Uno dei tanti cambi apportati in fase di creazione riguarda proprio l’atmosfera che andrà a braccetto con il clima dei primi capitoli videoludici della saga. Il regista ha infatti dichiarato che, nonostante i film precedenti fossero molto luminosi, questo capitolo sarà oscuro e oppressivo. Inoltre, per garantire una totale atmosfera claustrofobica, il film è stato interamente girato di notte, con alcuni tratti alla Silent Hill come pioggia e nebbia.

“Questo film non ha davvero nulla a che fare con quanto visto in passato. Lo scopo qui era avvicinarsi ai giochi e creare un film che fosse molto più horror rispetto ai precedenti. Sono stato enormemente influenzato da film come l’Esorcista, Don’t look Now e Shining. Si può davvero sentire la grana di questo film. Tutto ha un aspetto fatiscente. Volevo che Raccoon City offrisse un feeling simile a quello della città di Deer Hunter. L’intera struttura è stata anche influenzata da Assault on Precinct 13“.

A interpretare Claire e Leon, i due personaggi principali, ci saranno Kaya Scodelario e Avan Jogia. Al loro fianco figureranno anche Albert Wesker, Chris Redfield, Jill Valentine e Brad Vickers.

Per altre news e contenuti vieni a trovarci su CiakClub.it

 

 

 

Facebook
Twitter