La groupie Pamela Des Barres contro il film Quasi Famosi

A vent’anni dall’uscita del film Quasi Famosi, di Cameron Crowe, la groupie Pamela Des Barres (autrice del libro manifesto del groupismo se ce n’è uno: Confessioni di una groupie) ha polemizzato con il regista per come non ha preso in considerazione la sua figura nella stesura del personaggio di Kate Hudson Penny Lane.

Il risultato è però stato incredibilmente azzeccato, per quanto riguarda le caratteristiche del personaggio, tabto che la groupie ha dichiarato:

Quel personaggio è in pratica più simile a me rispetto a Bebe Buell o Pennie Trumbull. Mi somigliava di più

Visualizza immagine di origine

La Des Barres ha inoltre affermato di aver scritto una sceneggiatura sulla sua vita che però, a causa del film di Cameron Crowe, non è mai stata presa in considerazione:

“Ho affrontato Cameron Crowe quando è uscito il film, ma in pratica mi ha ignorata. Ma poi l’ho rivisto alcuni anni fa e in un certo senso si è scusato. Ha detto ‘Cosa posso fare per farmi perdonare?’. Ho risposto ‘Avrei dovuto essere coinvolta come consulente'”.

La scena dell’overdose ha però fatto infuriare la groupie, che ha dichiarato a tal proposito:

Mi ha fatto davvero infuriare. Questo personaggio, la groupie come viene rappresentata, è patetica. Conoscevo tutte le groupie principali nell’epoca dell’ascesa di questa realtà. Nessuna di loro avrebbe fatto una cosa simile. C’è sempre stato qualcuno di nuovo. Nessuna dea-groupie amante della musica avrebbe fatto qualcosa di simile“.

Per chi se lo fosse perso, ecco in breve il riassunto di Quasi Famosi:

Nel 1973 il quindicenne Russell Hammond conosce la band musicale Stillwater in occasione di un’intervista per la rivista Rolling Stone. Per sfuggire al suo mondo e ad una madre ossessiva Russell parte in viaggio con la band, un viaggio che avrà molto da insegnargli su cosa significa costruire una nuova famiglia da zero.

Seguiteci su Ciakclub.

Facebook
Twitter