I prequel di Game of Thrones non usciranno prima del 2020

Stando alle parole del responsabile della programmazione HBO Casey Bloys, i prequel di Game of Thrones non vedranno la luce prima del 2020. Nulla andrà in onda se non almeno dopo un anno la fine dell’ottava stagione, confermando implicitamente le voci che vogliono la stagione conclusiva in uscita nel 2019.

Bloys ha dichiarato che i cinque progetti potenziali sono ancora in lavorazione: <<Ogni progetto richiede un lavoro differente, ognuno al momento è in una fase diversa, ma sono molto incoraggiato da quello che ho visto>>.

Perché non usare il finale della serie originaria come trampolino di lancio per gli spin-off? <<Quello che non voglio è togliere qualcosa alla potenza dell’ottava stagione. Il finale dev’essere il grande evento televisivo che è giusto sia. Non voglio ridurne la portata a causa degli spin-off. Questo non farebbe altro che diminuire l’importanza complessiva di Game of Thrones>>.

Emilia Clarke e Kit Harrington

Ad ottobre, il Presidente HBO e il CEO Richard Plepler hanno dichiarato che c’è “l’imbarazzo della scelta” da finanziare. I cinque progetti in lavorazione sono seguiti da Bryan Cogman, Max Borenstein, Jane Goldman, Brian Helgeland e Carly Wray. George R.R. Martin è attualmente in accordi per co-sceneggiarne due: quelli di Goldman e Wray.

Dan Weiss e David Benioff, storici produttori esecutivi della serie, non saranno coinvolti nei prequel a causa dell’impegno nel loro prossimo prodotto “Confederate”. Ciononostante figureranno nei crediti come produttori esecutivi in tutti e cinque i progetti, così come Martin.

 

Come noto, la stagione conclusiva di Game of Thrones non vedrà la luce in tempi brevi. Sarà composta da sei capitoli di durata superiore rispetto alla norma e vedrà il ritorno alla regia di Miguel Sapochnik, che ha già diretto le fortissime scene di “Hardhome” così come quelle della “Battaglia dei Bastardi”. Dave Hill e Bryan Cogman scriveranno rispettivamente il primo ed il secondo episodio, mentre dei restanti quattro se ne occuperanno Weiss e Benioff.

Facebook
Twitter