Orlando Bloom: “Sono caduto dal terzo piano e ho rischiato la paralisi”

Orlando Bloom ha affidato una vecchia fotografia ai propri canali social, svelando alcuni retroscena legati ad un vecchio incidente:

“Questo sono io nel lontano 1998 quando, dopo essere caduto da tre piani, ho quasi distrutto la mia colonna vertebrale. Sono scampato alla paralisi e alla morte. Sono grato ogni giorno perché quanto accaduto mi spinge sempre a vivere al meglio delle mie possibilità la mia vita”.

Dall’incidente però l’attore ha tratto un grande insegnamento:

“Fino ad allora, non avevo mai apprezzato la vita e credevo di essere immortale. Per quattro giorni circa, c’è stato il pericolo che rimanessi paralizzato. Ho attraversato momenti assai bui pensando al fatto che, forse, non avrei camminato mai più.

https://www.instagram.com/p/CTFIAp6o2IC/?utm_source=ig_web_copy_link

Poco dopo l’incidente Orlando Bloom soffrì parecchio, il ricordo è infatti ancora estremamente vivo nella sua memoria:

“Ricordo che il dottore mi disse di non sapere quanto fosse grave il danno alla mia colonna vertebrale. Mentre diceva queste cose, io fissavo il soffitto. Fino a quel momento, non avevo mai fissato soffitti. Quando sono uscito dall’ospedale, ho iniziato a vivere in modo molto più moderato. Quella era la mia vita e non volevo perderla per nulla al mondo. L’incidente ha cambiato tutto. Fino a quel momento guidavo come fossi costantemente al centro di una corsa. Ero stupido, mi piaceva vivere sempre al massimo, pensavo fosse cool!”

Per fortuna quella caduta non è costata troppo cara all’attore che si è ripreso al cento per cento, entrando qualche anno dopo nei fortunatissimi franchise de Il Signore degli Anelli e Pirati dei Caraibi.

E voi, cosa ne pensate di questa profonda riflessione di Orlando Bloom?
Vi è piaciuto questo articolo?
Fatecelo sapere nei commenti. Per questa ed altre news e per rimanere sempre aggiornati sul mondo del cinema attraverso focus, classifiche e recensioni, veniteci a trovare sul nostro sito: Ciakclub.
Facebook
Twitter