Monolite trovato nel deserto dello Utah come in 2001: Odissea nello spazio

La scena del monolite nero in 2001: Odissea nello spazio è probabilmente una delle scene più iconiche, e criptiche, dell’intera storia del cinema. Un monolite di metallo riflettente è stato trovato nel deserto dello Utah, immerso tra le pareti rocciose. Un tentativo di imitare il cinema? Una bravata? Un’opera d’arte?

Il monolite alto oltre tre metri è stato ritrovato dal pilota di un elicottero in perlustrazione nel deserto dello Utah, Stati Uniti occidentali. Il pilota stava svolgendo una missione per conto della Division of Wildlife Resources ed era incaricato di censire le pecore delle Montagne Rocciose, le cosiddette Bighorn, nell’intera regione.

Durante il volo il pilota, Bret Hutchings, si è insospettito nel vedere troppa luce proveniente da un luogo in cui ci sarebbe dovuta essere solo pietra. Ha poi scoperto che il riflesso luminoso arrivava da uno strano oggetto ben impiantato nel terreno, che ha in seguito perlustrato. Così il pilota ha comunicato la sua immensa sorpresa ai media locali“In tutti i miei anni di volo è stata la cosa più strana in cui mi sia mai imbattuto”. Egli ci ha poi tenuto a dire che secondo lui il monolite è sicuramente frutto dell’opera umana.

https://www.instagram.com/p/CH9KTKnBEtC/?utm_source=ig_embed

Proprio per il fatto che la struttura – a differenza della sua “gemella” kubrickiana – è decisamente ben ancorata al terreno, si è ipotizzato del frutto di mano del tutto umana. Le ipotesi si sono spostate verso la possibile opera di un artista New Wave. Oppure un cinefilo grande fan dell’immortale regista.

In ogni caso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza dello Utah, come riportato dalla Cnn, ha fatto partire le indagini per scovare il responsabile dell’erezione del monolite. Il Dipartimento ha infatti ironizzato: “Non importa da quale pianeta vieni, installare strutture senza autorizzazione su terreni pubblici è illegale!”.

Per news e altri approfondimenti dal mondo del cinema e delle serie tv, continuate a seguirci su CiakClub.it!

Facebook
Twitter