Memorie di un assassino, il killer reale parla per la prima volta

Memorie di un assassino di Bong Joon-Ho è ispirato ad una storia vera. Il vero serial killer, responsabile di 14 omicidi di donne tra il 1986 e il 1991, ha confessato solo l’anno scorso i suoi crimini. Si chiama Lee Chun-jae ed ha 57 anni.

L’assassino ha parlato ieri per la prima volta pubblicamente in tribunale a Suwon, nella Corea del Sud, durante il processo per la riapertura del caso di un uomo innocente condannato a 20 anni di carcere al suo posto. L’uomo, accusato ingiustamente per uno degli omicidi di Chun-jae, è uscito di prigione nel 2008 e chiede ora di essere riabilitato. Lee Chun-jae era invece in carcere già dal 1994: la condanna era arrivata a seguito dell’accusa di stupro e omicidio ai danni di sua cognata. Grazia all’analisi del DNA l’anno scorso è stato ricollegato agli altri omicidi seriali.

Memorie di un assassino

Durante il processo Lee Chun-jae si è dichiarato sorpreso di non essere stato scoperto prima: “Non pensavo che i crimini sarebbero rimasti sepolti per sempre” – ha detto – “non capisco ancora perché non mi abbiano sospettato. Questi crimini sono accaduti nelle mie vicinanze e io non ho fatto molto per nascondere le cose, per cui pensavo che mi avrebbero preso con facilità. C’erano centinaia di poliziotti in giro. Mi imbattevo di continuo in investigatori ma mi chiedevano solo delle persone che conoscevo”.

Ha aggiunto di aver sostenuto un interrogatorio con la polizia indossando l’orologio di una delle vittime, ma è stato facilmente rilasciato. Si è inoltre assunto la responsabilità dell’omicidio per cui era stato accusato l’altro uomo, definendolo un “atto impulsivo”.

Lee Chun-jae si è mostrato assolutamente impassibile durante queste dichiarazioni, come spesso accade per i serial killer. Ha però chiesto scusa alle famiglie delle vittime. Per decorrenza dei termini, l’omicida non può essere processato per gran parte dei crimini commessi. Una vicenda decisamente cupa e mal gestita dalle autorità, come ha denunciato chiaramente Bong Joon-ho in Memorie di un assassino.

Questo e molto altro su CiakClub.it

Facebook
Twitter