Luigi De Filippo: muore l’erede della grande dinastia del teatro napoletano

Muore a Roma Luigi De Filippo, aveva 87 anni. La notizia corre tra le fonti vicine alla famiglia e gli immancabili tweet.

Si spegne a Roma Luigi De Filippo, figlio d’arte della dinastia De Filippo, all’età di 87 anni. La notizia viene diffusa con cautela da alcune fonti vicine alla famiglia e presto rimbalza su Twitter:

Figlio del grande Giuseppe De Filippo – al secolo Peppino De Filippo (1903-1980), pilastro della tradizione teatrale napoletana e della commedia, celebre spalla di Totò nel cinema degli anni ’50 e ’60 – e di Adele Carloni, Luigi De Filippo era attore, commediografo e regista teatrale.

Nato nel 1903, debuttò a 21 anni nella compagnia teatrale del padre. Tra gli anni ’50 e ’60  Luigi De Filippo si impiegò nel cinema, prendendo parte a qualche film della commedia all’italiana:

  • Filumena Marturano, regia di Eduardo De Filippo (1951)
  • La leggenda del piave, regia di Riccardo Freda (1952)
  • Non è vero… ma ci credo!, regia di Sergio Grieco (1952)
  • Peppino e la vecchia signora, regia di Piero Ballerini (1954)
  • Da qui all’eredità, regia di Riccardo Freda (1955)
  • Cortile, regia di Antonio Petrucci (1955)
  • Lazzarella, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1957)
  • Anna di Brooklyn, regia di Carlo Lastricati (1958)
  • Promesse di marinaio, regia di Turi Vasile (1958)
  • Policarpo ‘ufficiale di scrittura’ , regia di Mario Soldati (1959)
  • Arrangiatevi, regia di Mauro Bolognini (1959)
  • Roulotte e roulette, regia di Turi Vasile (1959)
  • Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
  • Il mio amico Jekyll, regia di Marino Girolami (1960)
  • Chi si ferma è perduto, regia di Sergio Corbucci (1960)
  • Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
  • Il mio amico Benito, regia di Giorgio Bianchi (1962)
  • Le quattro giornate di Napoli, non accreditato, regia di Nanni Loy (1962)
  • Amore all’italiana, regia di Steno (1966)
  • Viaggio di nozze all’italiana, regia di Mario Amendola (1966)
  • Soldati e capelloni, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1967)
  • Ninì Tirabusciò la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
Luigi De Filippo
“Cerasella” (1959)

Ma il suo grande amore fu sempre il teatro e nel 2011 succede a Maurizio Costanzo nella direzione artistica del Teatro Parioli di Roma, che viene intitolato al padre, Peppino De Filippo. Dallo scorso gennaio era tornato in scena con la celebre opera Natale in casa Cupiello scritta dallo zio Eduardo De Filippo.

I funerali saranno celebrati martedì 3 aprile alle 11.30 nella Chiesa degli Artisti di piazza del Popolo.

Leggi anche David di Donatello 2018: ecco i vincitori decretati dall’Accademia

 

Facebook
Twitter