Il primo teaser del reboot di Lost in Space annuncia la data di uscita della serie sci-fi

Lost in space è stata una delle prime serie TV di culto della televisione statunitense, nata nel 1965 dalla fantasia di Irwin Allen. Ambientata nel 1997 (quello che all’epoca era il futuro), raccontava della famiglia Robinson, selezionata tra milioni di volontari per partire a bordo del’astronave Jupiter 2 con l’obiettivo di iniziare la colonizzazione umana dello spazio. La missione veniva però sabotata dal dr. Zachary Smith, agente straniero incaricato di far fallire l’impresa.

La serie durò però solo tre stagioni. Malgrado il successo la CBS decise di cancellarla nel 1968, per ragioni mai chiarite (ma probabilmente inerenti al budget troppo alto). La serie è pero rimasta nel cuore di tanti appassionati, che ne hanno fatto un classico della sci-fi, nonostante si fosse sempre più alleggerita nei toni, virando verso la commedia.

 Lost in space 1965

Nel giugno 2016 Netflix aveva annunciato il rifacimento della serie. Un primo teaser trailer uscito proprio in queste ore ne annuncia finalmente la data di uscita: l’intera prima stagione sarà disponibile sul servizio di streaming tra un mese e mezzo, a partire dal 13 aprile di quest’anno. Anche questo reboot sarà ambientato trent’anni nel futuro, non più ovviamente negli anni ’90, ma alla fine degli anni ’40 del 2000.

Il nuovo Lost in space conterà 10 episodi nella sua prima stagione. La sceneggiatura è stata affidata a Matt Sazama e Burk Sharpless, una coppia di scrittori che finora hanno lavorato solo per il grande schermo (e se vogliamo essere sinceri, non proprio per film particolarmente riusciti: Dracula UntoldGods of EgyptPower Rangers…), mentre la maggior parte degli episodi sono diretti da Neil Marshall, che ha lavorato per diverse serie TV (Game of ThronesWestworld) e che tra poco sarà al cinema con il reboot di Hellboy. Il produttore Zack Estrin (Prison Break) sarà lo showrunner, mentre nel cast vedremo Toby Stephens (Black Sails), Molly Parker (House of Cards) e Ignacio Serricchio (Le streghe dell’East End), nonché i giovanissimi Mina Sundwall e Max Jenkins. Una delle notizie più interessanti, però, riguarda il personaggio del Dr. Smith: per Netflix sarà una donna, interpretata da Parker Posey, protagonista di tanti film indie come Party Girl La casa del sì.

Non è la prima volta che si tenta di riportare in auge Lost in Space. Nel 1998 venne realizzato un lungometraggio con William Hurt e Gary Oldman. Nonostante il discreto successo, questo film non è ricordato positivamente, a causa anche dei toni troppi dark. Nel 2004 si tentò di riproporla come serie TV, e venne realizzato un pilot diretto addirittura da John Woo. Questo primo episodio però non piacque, e l’idea morì lì. Il nuovo tentativo sembra invece destinato a maggior fortuna. Ma l’attesa è ormai agli sgoccioli, e tra poche settimane sapremo se Netflix riuscirà a replicare il successo di tante sue original series.

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Facebook
Twitter