Jude Law parla di come Contagion ha anticipato l’attuale pandemia

Nel 2011 Steven Soderberg allarmò gli spettatori con il film Contagion: allarme durato poco più della durata del film, per il semplice fatto che nessuno, all’epoca, riteneva possibile una pandemia.

Jude Law però è tornato circa quanto contiene il film:

Quando è iniziato il 2020, e abbiamo saputo di ciò che stava accadendo inizialmente in Cina e di ciò che è diventato rapidamente evidente in tutto il mondo, è suonato un campanello d’allarme.

Sul set c’erano degli esperti scientifici allo scopo di consigliare la produzione e:

Ci dissero che questo sarebbe accaduto e che bisognava semplicemente capire quando piuttosto che se“.

Jude Law ha poi proseguito affermando:

Il modo in cui l’hanno descritto, che è esattamente ciò che è poi successo, aveva semplicemente senso. Hanno dipinto tutte le aree e le ragioni per cui il virus si sarebbe diffuso così rapidamente. Quello che dissero sul set forse è rimasto nel mio sistema e mi ha spaventato a morteAll’epoca Scott e Steven hanno fatto un’enorme quantità di ricerche e mi hanno davvero inviato tutti i tipi di collegamenti a diversi personaggi online che stavano raccogliendo e costruendo seguaci riguardo le loro invettive e previsioni. Ciò che è straordinario, forse più in un certo senso della diffusione del virus, è come personaggi del genere abbiano davvero iniziato ad attirare l’attenzione su di sé“.

Tornando sulla previsione della pandemia ha affermato:

Sul set c’erano dottori e virologi che ci dicevano che l’arrivo di una pandemia sarebbe stata solo questione di tempo. Ricordo di aver concluso l’esperienza riflettendo sul fatto che ci tocchiamo il viso diecimila volte al giorno e che non ci laviamo quasi mai le mani, poi un po’ alla volta non ci ho pensato più“.

E voi, cosa ne pensate del film Contagion?

Fatecelo sapere nei commenti e venite a trovarci su Ciakclub.

Facebook
Twitter