Johnny Depp: “Pensavano che fossi ubriaco sul set”

Recentemente Johnny Depp aveva parlato della sua passione per Luca Guadagnino e Roberto Benigni (potete trovare il nostro articolo proprio qui): ha aggiunto poi un divertentissimo aneddoto legato alla produzione di Pirati dei Caraibi, in particolare circa il primo capitolo della saga, intitolato La maledizione della prima luna.

L’attore, intento nella creazione vera e propria del personaggio Jack Sparrow, stava iniziando a girare con i classici modi effeminati e maldestri del celebre pirata, ottenendo però feedback estremamente negativi dai produttori Disney, preoccupati che il pubblico potesse non capire a fondo la natura brillante ed originale del personaggio.

L’attore, venuto a sapere ciò, afferma di aver reagito esattamente al contrario di come i produttori stessi si sarebbero aspettati dopo le loro parole.

“Erano nervosi, avevano paura che nessuno capisse una parola di quello che diceva il Capitano Jack. Mi chiamarono per chiedermi: “Ma è ubriaco? Sei ubriaco? Perché muovi le mani così?” Non mi scoraggiai nemmeno un po’, mi caricai. Sapevo che se loro erano preoccupati, allora stavo facendo il mio lavoro. Quando mi chiesero di stemperare, io calcai la mano.”

Pirati Dei Caraibi, Jack Sparrow, Johnny Depp, Disegno

Come al solito l’attore dimostra, oltre ad un innato talento, di non avere limiti.

Nel frattempo, per tutti i fan della saga, ricordiamo che lo sviluppo di Pirati dei Caraibi 6 è iniziato infatti nel 2018 quando la Disney ha assunto gli scrittori di Deadpool Rhett Reese e Paul Wernick per il progetto. L’anno dopo i due si sono però ritirati, lasciando il progetto all’inizio della sua formazione. La Disney però è determinata a concluderlo e addirittura si parla di una possibile uscita nei cinema nel 2021.

E voi, cosa ne pensate delle parole di Johnny Depp? Avete avuto la stessa impressione dei produttori Disney quando avete visto per la prima volta Jack Sparrow?

Fatecelo sapere nei commenti e, per questa ed altre interessanti news, seguiteci sul nostro sito: Ciakclub.

Facebook
Twitter