Jennifer Lawrence: saper essere un’antidiva ad Hollywood

E’ la notte degli Oscar del 2013. Jennifer Lawrence è raggiante, con i capelli raccolti e un meraviglioso abito a sirena di Dior. E’ il suo anno, con Il Lato Positivo è pronta a diventare una delle più giovani vincitrici di un Oscar come Miglior Attrice Protagonista della storia. Ci sono già abbastanza motivi per rendere quella serata memorabile per lei. Eppure, sarà un altro il motivo per cui sarà ricordata: colpa dell’emozione, delle scale o del vestito poco comodo, ma Jennifer Lawrence scivola sui gradini che la portano al palco, davanti all’intera platea. E’ una scena emblematica per un’attrice che ha deciso di essere, o semplicemente è, molto lontana dal modello ideale della “diva di Hollywood”. Solitamente guardiamo alle attrici come a modelli eterei, ideali, inarrivabili, così perfetti da sembrare divinità. Jennifer Lawrence ha sempre rappresentato l’eccezione, tanto da diventare l’antidiva per eccellenza.

Jennifer Lawrence è indubbiamente un’attrice di successo, una giovane piena di talento ed è considerata una delle donne più belle al momento. Ma tutto questo si affianca alla sua fama di ragazza sbadata, con un’esilarante collezione di gaffe pubbliche di ogni tipo, rinomata per il suo linguaggio scurrile e grezzo. Decisamente un caso particolare nel mondo delle celebrità.

Le gaffe

Jennifer Lawrence agli Oscar nel 2018L’elenco di gaffe, “figuracce” o momenti imbarazzanti che costellano la carriera  pubblica di Jennifer Lawrence è decisamente lungo e divertente. Tra momenti più eclatanti e piccoli incidenti innocui, ne ripercorriamo velocemente alcuni.

In alcuni casi Jennifer Lawrence si è rivelata semplicemente un po’ maldestra. Non è così insolito essere un po’ goffi e a tutti possono capitare piccoli incidenti. Il problema, nel caso dell’attrice, è essere vista da migliaia di persone. Come quella volta, durante una conferenza stampa a Madrid in occasione dell’uscita di Hunger Games: La Ragazza di Fuoco, la povera Lawrence si rovesciò addosso un intero pacchetto di mentine nel tentativo di prenderne una. Per cercare di rimediare, ha iniziato ad offrirle agli altri membri del cast seduti con lei al tavolo. Potete vedere il tutto nel video qui sotto. Un po’ come quando, durante un Comic Con, per testare se il microfono funzionasse finì per colpirsi da sola in viso. In quel caso reagì con una semplice risata.

Abbiamo già menzionato la celeberrima caduta degli Oscar del 2013: in quel caso Lawrence inciampò sulle scale mentre andava a ritirare l’ambita statuetta. Con grande autoironia, commentò l’imbarazzante momento tra le risate, affermando che il pubblico stesse applaudendo soltanto per pietà dopo il suo imbarazzante ingresso. Ma quella del 2013 non è l’unica caduta memorabile dell’antidiva: l’anno dopo finì nuovamente per terra lungo il red carpet degli Oscar. Come si vede nel video in basso, Lawrence si aggrappò istintivamente alla donna più vicina a lei, rischiando di trascinarla con sé. Anche durante la premiére di Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 2 a Madrid Lawrence era sul punto di inciampare sul red carpet: quella volta, però, lo staff è riuscita ad aiutarla per impedirle di farsi del male.

Ma la gran parte delle gaffe di Lawrence sono legate al suo linguaggio, spesso colorito. Jennifer Lawrence tende a dire tutto ciò che pensa, senza filtri e senza peli sulla lingua, anche durante le interviste ufficiali. Basti pensare a quella volta in cui una giornalista le chiese del suo ultimo film della saga di X Men, Giorni di un Futuro Passato: l’attrice non ricordava il titolo del suo stesso film. Memorabile anche la volta in cui interruppe un’intervista, chiedendo “Dov’è la pizza?!”

Una volta, invece, Jennifer Lawrence era ospite ad un programma tedesco insieme a Liam Hemsworth. I due stavano promuovendo Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 1. Con l’aiuto di un traduttore, Hemsworth ad un certo punto raccontò di sua madre e del suo lavoro come insegnante di educazione sessuale. Dopo una serie di equivoci causati dalla barriera linguistica, Jennifer Lawrence si inserì nel discorso esclamando, nell’imbarazzo generale, “Tua madre ti ha attaccato la clamidia!”.

Lawrence ha avuto problemi a tenere a freno la lingua anche sul red carpet degli Screen Actors Guild Awards 2014. In quel caso una giornalista commentò il suo abito Dior, e l’attrice esclamò che quel taglio le metteva in evidenza la ciccia e rendeva le sue ascelle simili a vagine. Decisamente un’immagine non proprio elegante.

Spontaneità o personaggio?

Jennifer Lawrence durante una conferenza stampa per Hunger GamesQueste sono solo alcune delle gaffe e dei momenti imbarazzanti di Jennifer Lawrence. Potete addirittura trovare facilmente intere compilation dedicate all’antidiva. La sua goffaggine, la sua spontaneità senza filtri e il suo linguaggio spesso scurrile sono diventati dei suoi tratti distintivi. L’attrice stessa non esita a fare autoironia sulle sue figuracce, e giornalisti e colleghi del mondo dello spettacolo ci hanno ormai fatto l’abitudine.

D’altra parte qualcuno ha iniziato a porsi dei dubbi: si tratta veramente di un carattere genuino e spontaneo, oppure quello di Jennifer Lawrence è un personaggio ben costruito per attirare l’attenzione? L’attrice è nata in Kentucky ed è cresciuta a stretto contatto con i due fratelli maggiori. Già da piccola era molto vivace e attiva, “un maschiaccio” secondo i racconti dei parenti e degli amici di infanzia. Forse ha semplicemente mantenuto quel carattere spigliato anche crescendo.

Eppure, se inizialmente Lawrence era amata proprio per la sua spontaneità, col passare del tempo si è attirata anche diverse antipatie. Qualcuno ha iniziato ad accusarla: le sue cadute sono finte, il suo è solo un personaggio, sono scelte di marketing, non c’è nulla di genuino nelle sue imbarazzanti scenate pubbliche. Jennifer Lawrence fa solo finta di essere una di noi, ha scelto la strada dell’antidiva per far parlare di sé. Quando, nel 2018, decide di prendersi un anno sabbatico dal set per dedicarsi alla politica, qualcuno ritiene che sia perché il suo personaggio si è spinto troppo oltre.

D’altra parte, è realmente così importante sapere se Jennifer Lawrence sia semplicemente molto spontanea o costruita? Oppure, semplicemente, avere un modello di antidiva fa bene a tutti?

Riflettendoci, Jennifer Lawrence (o il suo personaggio di antidiva) fa una cosa molto importante: ribalta degli stereotipi, abbatte delle aspettative sociali. Abbatte l’idea classica di diva: attori e attrici sono persone normali, non divinità superiori. Hanno pregi e difetti, inciampano, dicono parolacce e provano imbarazzo. Non sono ideali di perfezione, nonostante il successo. D’altra parte, anche il classico ideale di diva era una maschera: nessuna delle grandi attrici inarrivabili era priva di difetti e problemi.

Ma Jennifer Lawrence contrasta anche con lo stereotipo della donna perfetta. Pensandoci, anche Samuel L. Jackson è celebre per le sue imprecazioni, eppure questo tratto non fa scalpore come per un’attrice donna. Questo perché lo stereotipo femminile vuole donne a modo, che non imprecano, che si distinguano per eleganza e raffinatezza. Jennifer Lawrence, invece, riesce ad essere sboccata anche in un abito Dior, di successo anche mentre inciampa.

Tra l’altro sono frequenti le occasioni in cui Lawrence rivela delle insicurezze a livello fisico: spesso negli attillati abiti dei red carpet parla dei suoi “rotolini” e di come debba “trattenere il fiato” davanti ai fotografi. Magari il suo atteggiamento spigliato è solo un modo per nascondere e reagire a queste insicurezze.

Dunque, che sia genuina o ben costruita, abbiamo bisogno di una Jennifer Lawrence: una donna di successo, che non abbia paura di come appare pubblicamente, che sappia parlare liberamente e allo stesso tempo esprimere le proprie insicurezze, che cada davanti a tutti e sappia scherzarci su. Una fiera antidiva che riesca a regalarci una risata, un sospiro di sollievo e, ovviamente, delle ottime performance.

Questo e molto altro su CiakClub.it

Facebook
Twitter