Le prime due stagioni de Il Signore degli Anelli potrebbero costare 500 Mln

Secondo quanto riportato da CBR è stato realizzato uno studio sui costi ed i ricavi legato alla piattaforma Amazon Prime Video da parte di Reuters. Durante questi studi, autorizzati dalla stessa Amazon, si è andato ad analizzare anche tutto ciò che ruota attorno alla realizzazione della serie tratta da Il Signore degli Anelli, ed i numeri usciti sono estremamente interessanti.

Le cifre uscite infatti parlano di un costo di 500 Milioni per le prime due stagioni. Ovviamente all’interno di questa somma è compreso il costo dell’acquisto dei diritti ovvero 250 Mln, mentre l’altra metà andrebbe poi suddivisa tra budget di realizzazione e di marketing. Da considerare che la trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson costò circa 300 Mln, marketing escluso.

Il Signore degli Anelli

Lo studio di Reuters ha poi preso in esame 19 serie originali di Amazon, valutandone i costi, il pubblico e gli abbonati generati da ogni singola serie. I prodotti originali avrebbero attirato dal 2014 al 2017 circa il 25% dei nuovi abbonati a Prime. Amazon utilizza un sistema detto “first stream” per valutare il successo o il fallimento di un progetto originale. Secondo questo approccio i costi di produzione e marketing vengono divisi per il numero di abbonati che hanno guardato per prima quella specifica serie. Il rating va in base al numero che ne esce, minore significa migliore.

La serie originale Prime The Grand Tour ha il miglior rating ad esempio. Ha infatti portato circa 1.5 Mln di nuovi iscritti ed ha un rating di 49$ per iscritto. Basandosi su questi dati la serie de Il Signore degli Anelli dovrebbe registrare un dato superiore di tre volte quello di The Man in the High Castle per ottenere lo stesso risultato, considerando che quest’ultimo ha un racing di 63$ per iscritto.

In tutti i casi attendiamo curiosi nuovi dettagli riguardanti questa serie, visto che ancora nessuna notizia di casting o altro è trapelata.

Questa ed altre notizie su Ciakclub

 

Facebook
Twitter