Ian McKellen vuole tornare ad interpretare Gandalf per Amazon

Come noto da settimane, Amazon ha acquisito i diritti ed è in procinto di cominciare le riprese di una serie sul Signore degli Anelli. L’universo di Tolkien verrà così trasposto ulteriormente in forma filmica, stavolta distribuito in streaming sulla piattaforma Amazon Prime Video. In tutto questo Ian Mckellen è ben lontano dal rifiuto di calzare ancora una volta i panni di Gandalf.

Durante un’intervista radiofonica sulla BBC Radio 2 la leggenda inglese è stata tutt’altro che criptica. Alla domanda se risulterebbe infastidito dal vedere un altro attore interpretare il suo ruolo ha risposto: <<Non ho detto sì perché nessuno me l’ha chiesto. Ma perché stai insinuando che qualcun altro lo interpreterà? Gandalf ha 7000 anni, quindi non sono ancora troppo vecchio>>.

Peter Jackson e Ian McKellen sul set de Il Signore degli Anelli

Amazon ha confermato l’accordo con i detentori dei diritti dell’opera di Tolkien. I 200 milioni di dollari spesi permetteranno la realizzazione di una serie prequel rispetto agli eventi del primo film – La Compagnia dell’Anello –  e potenzialmente anche un altro spin off.

Siamo ancora in una fase embrionale del progetto – senza sceneggiatura, cast, registi e personale creativo al lavoro – ma già un protagonista della prima trilogia si è chiamato fuori. Andy Serkis alias Gollum.

<<Non so se mi va di tornare nell’universo del Signore degli Anelli>> ha dichiarato. <<Mi sembra di aver speso fin troppo tempo della mia vita a fare Gollum. Auguro buona fortuna al progetto. Penso che un nuovo interprete sia una buona cosa probabilmente>>.

Andy Serkis in posa come Gollum

L’eredità della trilogia originale, insomma, pesa tanto. Come non potrebbe viste le 30 nomination conquistate, i 17 oscar portati a casa e i quasi 3 miliardi di dollari incassati fra il 2001 e il 2003. Un peso che inevitabilmente si trascinerà fino all’uscita del serial targato Amazon che avverrà in data ancora da stabilire.

Facebook
Twitter