Gaspar Noé ritorna alla regia con il film Psyché

Il regista franco-argentino Gaspar Noé, torna dopo tre anni dietro la macchina da presa con un nuovo progetto, il thriller psicologico Psyché.

Con soli quattro film all’attivo, Gaspar Noé si è notevolmente aggiudicato il titolo di uno dei registi più discussi ma ampiamente annoverati degli ultimi vent’anni. Scandaloso e al limite dell’accettabile, questi sono solo alcuni degli aggettivi continuamente assegnati alla sua opera. Nel 2015 presentò al Festival di Cannes, Love, un dramma erotico che lanciò la carriera dell’attore statunitense Karl Glusman. I suoi film sono molto spesso contraddistinti da immagini esplicitamente sessuali, toccando argomenti abbastanza delicati come la violenza sessuale, le dipendenze, l’aborto e la pedofilia. Temi che vengono smorzati dal gusto estetico e magistralmente formale, con cui Noé accompagna il racconto di queste storie socialmente marginali.

http://www.imdb.com/name/nm0637615/
Love (2015)

In questi giorni è stata rilasciata la sinossi ufficiale e i primi dettagli del suo nuovo progetto Psyché, dal gruppo di finanziamento Tax Shelter Belgium:

A metà degli anni ’90, 20 urbandancers si riuniscono per una prova di tre giorni in un collegio chiuso situato nel cuore di una foresta per condividere un’ultima danza. Quindi, fanno un’ultima festa attorno a una grande vasca di sangria. Rapidamente, l’atmosfera si carica e una strana follia si impossessa di loro per tutta la notte. Se a loro appare ovvio che sono stati drogati, non sanno però né da chi né perché. Ed è presto impossibile per loro resistere alle loro nevrosi e alle loro psicosi, intorpiditi dall’ipnotico e crescente ritmo elettrico della musica … Mentre alcuni si sentono in Paradiso, molti di loro sprofondano al contrario all’Inferno.

Il progetto dovrebbe partire per la primavera di quest’anno, e l’uscita dovrebbe essere prevista tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019. Con Psyché il regista franco-argentino arriverebbe al suo quinto lungometraggio, dopo il già citato Love, lo psichedelico Enter the Void del 2010, Irréversible del 2002 e il poco conosciuto Seul contre tous del 1998.

Leggi altre news su CiakClub.it!

Facebook
Twitter