Rivelati i disegni erotici di Federico Fellini, in esposizione a Rimini

Rimini ha presentato i disegni inediti di Federico Fellini, in occasione della “Biennale del Disegno”. Compaiono 42 piccole opere che il regista aveva regalato all’amico Tonino Guerra durante le riprese del film Casanova. Le carte erano poi passate in una collezione privata riminese. Rappresentano una serie di personaggi, rigorosamente nudi; enormi e sproporzionati, fedeli all’immaginario onirico del regista de La Dolce Vita. Un immaginario fatto di sesso, seni grandi in rappresentanza del rapporto col materno – spesso presenti anche nei suoi film – e, come sempre, di visioni uniche. Il concetto del sogno, che ha rivoluzionato il cinema attraverso i film di Federico Fellini, è più familiare che mai.

Oltre ai disegni erotici – nella mostra che avrà luogo fra il 28 aprile e il 15 luglio – ci saranno anche quelli che raccontano gli incontri tra il regista e Pablo Picasso. Non veri incontri, ovviamente; Federico Fellini aveva l’abitudine di disegnare ciò che sognava. Quattro incontri con Picasso, di cui lui parlava così nei suoi appunti: “Tutta la notte con Picasso, parlava e parlava… non la smetteva più. Eravamo grandi amici, lui era così gentile con me, come un fratello maggiore”. Era il 18 gennaio 1967. Poi, gli appunti risalenti al 1980: ““Ho sognato Picasso, era un po’ invecchiato, ma aveva ancora tanta energia. Mi parlava senza fermarsi”.

La prima volta, invece, era il 1962. Nel sogno era presente anche Giulietta Masina: “Giulietta e io ospiti in casa di Picasso, si sta benissimo, si mangia e si beve in allegria. Tutto è semplice, famigliare, antico, che pace, che conforto!”. Tutto annotato nel suo immenso Libro dei sogni.

Intanto, vi mostriamo i disegni inediti qui sotto.

Federico Fellini

 

Questa e altre notizie su CiakClub.it.

Facebook
Twitter