Dogman, 10 minuti di applausi per il film di Matteo Garrone a Cannes

Dieci minuti di applausi per Dogman, accolto con entusiasmo al festival di Cannes. Il nuovo film di Matteo Garrone, ispirato alla violenta storia del “canaro” della Magliana, è stato proiettato al Gran Theatre Lumiere. Erano presenti in sala i due attori protagonisti, Marcello Fonte e Edoardo Pesce. A tre anni dalla sua ultima presenza alla Croisette, il regista di Il racconto dei racconti ha fatto centro con un film le cui aspettative sono schizzate alle stelle. “Con Dogman ho fatto del mio meglio – ha detto Garrone – ho raccontato una storia di riscatto. Spero che il prossimo film sia Pinocchio”. Buone notizie, dunque, per il cinema italiano, dopo l’impatto altrettanto positivo di Lazzaro felice. Dogman, in corsa per la Palma d’Oro, è uscito oggi al cinema.

È stato un successo anche il documentario Whitney, dedicato alla vita di Whitney Houston. Oggi verranno presentati anche altre due opere italiane in altre categorie: Troppa Grazia di Gianni Zanasi e La Lotta, cortometraggio di Marco Bellocchio.

Dogman
Matteo Garrone

Questa è la sinossi ufficiale:

In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l’unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelattura per cani, “Dogman”, l’amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere. Dopo l’ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immaginerà una vendetta dall’esito inaspettato.
Dogman è un film che si ispira liberamente ad un fatto di cronaca nera successo trent’anni fa ma che non vuole in nessun modo ricostruire i fatti come si dice che siano avvenuti.

Segue il trailer ufficiale del film.

 

Questa e altre notizie su Cannes 2018.

Facebook
Twitter