Disobedience: L’attrice Rachel Weisz commenta la scena di sesso con Rachel Mc Adams

Rachel Weisz torna a parlare del film che ha fatto molto parlare di sé al Toronto Film Festival, Disobedience di Sebastián Lelio.

L’uscita del trailer risale allo scorso Febbraio e il fil film è stato presentato per la prima volta al Toronto Fil Festival, dove ha ricevuto un’ottima accoglienza.

Stiamo parlando di Disobedience, il film diretto da Sebastiàn Lelio che racconta di una passione amorosa osteggiata dai conflitti famigliari e religiosi.

Ambientato nella comunità ebraica ortodossa della Londra contemporanea, il film racconta la storia della quarantenne Ronit, emancipata e anticonformista, che torna a Londra per i funerali del padre, dove ritrova una coppia di amici d’infanzia che nel frattempo si sono sposati. Frequentandosi, tra le due donne si riaccende una giovanile passione che desta scandalo nella comunità.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Naomi Alderman e vede Rachel Weisz e Rachel Mc Adams vestire i panni delle due protagoniste.

A proposito dell’interpretazione delle due donne, il regista aveva già speso parole d’elogio:

Sono state coraggiose fin dall’inizio. Mi sono sentito così fortunato per aver lavorato con due vere artiste disposte a rischiare. Recitare di per sé è un rischio, comportare l’affidarsi al regista, buttarsi già dal dirupo ad occhi bendati”.

Disobedience

La scena d’amore che si consuma tra le due protagoniste è stata definita da molti priva di quei cliché riguardanti l’amore saffico che sono presenti nell’immaginario maschile e, a proposito di questa scena, Rachel Weisz ha dichiarato:

Sono state coraggiose fin dall’inizio. Mi sono sentito così fortunato per aver lavorato con due vere artiste disposte a rischiare. Recitare di per sé è un rischio, comportare l’affidarsi al regista, buttarsi già dal dirupo ad occhi bendati”.

 L’attrice, alla sua prima volta con una scena di amore saffico, ha affermato di averla vissuta in maniera radicalmente diversa rispetto alle scene di sesso eterosessuale, poiché affrontata in modo totalmente libero e spontaneo senza dover far riferimento a degli schemi prestabiliti…
“Di solito sui set, e io ho girato solo scene di sesso con uomini prima di questa, ci si spoglia e si improvvisa. Si usano le parole giuste, i gesti giusti, i soliti cliché… Nella struttura di questa scena invece potevamo davvero lasciarci andare. Lelio non ci ha rese oggetti. Ha molta empatia, penso sia tutto ciò che serve.”
La credibilità, dei sentimenti quanto dei gesti, delle sensazioni provate dalle due donne sullo schermo – dichiara ancora l’attrice – era la sola preoccupazione sul set:
“L’unica cosa che mi importava era fare tutto al meglio, perché non essere credibile sarebbe stato terribile, rappresentare male le sensazioni che volevamo portare sullo schermo.”
Il film uscirà nelle sale americane il 27 Aprile.
Facebook
Twitter