Il produttore di Marilyn David Parfitt accusa Weinstein di averlo aggredito

Questa sera sull’emittente britannica Channel 4 andrà in onda Working With Weinstein, documentario prodotto dal canale stesso e incentrato, come si evince facilmente dal titolo, su Harvey Weinstein, il fondatore ed ex dirigente Miramax travolto dallo scandalo dopo le innumerevoli accuse di molestie presentate da tante attrici che avevano lavorato con lui nel corso degli anni.

Nonostante Working with Weinstein debba ancora essere trasmesso, sono già emerse delle indiscrezioni su alcune vicende raccontate nel film che ancora non erano state rese pubbliche, e che contribuiscono a delineare la figura del produttore statunitense, sebbene ormai non ci sia più bisogno di ulteriore prove sulla persona che è sempre stata.

Questa notizia è però particolarmente interessante, perché non riguarda una nuova denuncia per molestie sessuali, ma dimostrerebbe come il carattere iroso e violento di Weinstein trascendesse la sfera sessuale e si esprimesse con chiunque. A parlare infatti è questa volta un altro produttore, David Parfitt, che accusa l’ormai ex collega di averlo aggredito a causa dell’accoglienza ricevuta dal film Marilyn nel 2011.

Parfitt Weinstein

Ecco le parole di Parfitt: «Dopo aver finito le riprese ed effettuato la prima proiezione di prova, [Weinstein] si era convinto che non ci fosse abbastanza Marilyn nel film e voleva più Marilyn. Alla fine della proiezione di prova abbiamo guardato i giudizi del pubblico, che erano molto positivi, e penso non si aspettasse fossero così buoni. Era talmente infuriato del fatto che il film fosse andato bene sebbene lui avesse previsto il contrario che mi aggredì fisicamente. Stavamo parlando sul retro del cinema dopo che il pubblico se ne era andato, ma il team della Miramax era ancora lì, e lui mi ha sbattuto contro un distributore automatico e minacciato in tutti i modi possibili. È stato molto spaventoso. Era furioso perché la nostra versione del film aveva funzionato».

Marilyn

Un portavoce di Weinstein è però intervenuto negando categoricamente l’accaduto: «Il signor Parfitt e il signor Weinsten hanno avuto divergenze creative e ogni conflitto tra loro riguardava solo le loro differenti visioni del film. Sebbene abbiano avuto una serie di accese discussioni durante le quali il signor Weinstein ha fatto molti commenti stupidi che vorrebbe poter rimangiarsi, non c’è mai stato alcun contatto fisico».

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Facebook
Twitter