Colin Firth su Woody Allen: «Non lavorerò più con lui in futuro»

Con Colin Firth si fa ancora più lunga la lista degli attori di Hollywood che si schierano contro Woody Allen, affermando che non lavoreranno più con lui.

Colin Firth è l’ultimo attore che ha preso posizione riguardo a Woody Allen, ultimamente sotto i riflettori per le accuse di molestie mosse da Dylan Farrow, dichiarando che in futuro non lavorerà più con il regista. Colin Firth ha già collaborato in passato con Woody Allen recitando nella commedia romantica Magic in the Moonlight del 2014 accanto all’attrice Emma Stone.

Si fa così sempre più lunga la lista degli attori che si pentono di aver lavorato con Woody Allen o che affermano che non lavoreranno mai più con lui in futuro. Già Greta Gerwig (recentemente premiata ai Golden Globes per il suo primo film da regista Lady Bird) e l’attrice Ellen Page (già apparsa nel 2012 in To Rome with Love di Allen) avevano voltato le spalle al regista newyorchese. Anche gli attori Timothée Chalamet e Rebecca Hall, che faranno parte del cast di All’s A Rainy Day di New York, il prossimo film di Woody Allen, hanno entrambi dichiarato che avrebbero donato i loro stipendi del film al movimento Time’s Up.

Colin firth-allen

Un articolo del The Guardian riporta la dichiarazione di Colin Firth che ha affermato: «Non vorrei lavorare ancora con lui». I commenti di Firth arrivano dopo che Dylan Farrow, figlia adottiva di Allen, ha affermato che gli attori che continuano a lavorare con il regista dovrebbero «riconoscere la loro complicità» nel perpetuare la «cultura del silenzio» di Hollywood.

Woody Allen, da parte sua, si difende chiarendo: «Non ho mai molestato mia figlia» replicando alle accuse rilanciate da Dylan Farrow, che da anni afferma di essere stata molestata quando era bambina. Il regista aggiunge che «la famiglia Farrow» vuole «approfittare cinicamente» del movimento #MeToo per rilanciare le «false accuse» contro di lui. L’attore Alec Baldwin, che ha lavorato più volte con il regista, ha preso le sue difese, definendo questi attacchi “ingiusti e tristi”. Ma molte altre star di Hollywood sembrano pronte ad accodarsi a Natalie Portman e Reese Witherspoon, che hanno già dichiarato di credere alla versione di Dylan.

Questa e altre notizie nella sezione News di CiakClub.it

Facebook
Twitter