Mare Fuori 4, la recensione dei primi episodi: è tempo di crescere

In anteprima alla Festa del Cinema di Roma sono stati proiettati i primi due episodi di Mare Fuori 4. Prodotta da Picomedia, la serie che vede protagonisti i ragazzi del carcere minorile di Napoli è ormai un successo internazionale. Questa nuova stagione ci riporta all’IPM per incontrare vecchi e nuovi amici.
Francesco Panarella in una scena della serie tv Mare Fuori

Considerata la serie più di successo prodotta da Rai Fiction, Mare Fuori 4 sta per tornare. I primi due episodi della nuova stagione sono stati presentati in anteprima assoluta alla Festa del Cinema di Roma. Oltre il ritorno di Cardio, Silvia, Carmine, Pino e gli altri detenuti, nuovi personaggi fanno il loro ingresso nel carcere minorile napoletano. Tutti devono fare i conti con il proprio passato e il proprio futuro, perché, come sostiene il Comandante, chiunque ha diritto una seconda possibilità. 

Diretta da Ivan Silvestrini e con protagonisti Carmine Recano, Massimiliano Caiazzo, Maria Esposito e Matteo Paolillo, Mare Fuori 4 debutterà sulla piattaforma di RaiPlay a febbraio 2024. Nell’attesa vi raccontiamo la nostra prima impressione su questa nuova stagione, ma attenzione agli spoiler!

Mare Fuori 4: dove eravamo rimasti?

Artem Tkachuk e Domenico Cuomo in una scena della serie tv Mare Fuori 4

La stagione precedente si era conclusa con un colpo di pistola. All’interno della Piscina Mirabilis Don Salvatore aveva messo sua figlia Rosa davanti a una scelta impossibile: uccidere lui o Carmine Di Salvo, colpevole di far parte della famiglia rivale. Ma Rosa Ricci a chi ha sparato? 

Nel frattempo Edoardo, uno dei personaggi più irrequieti e testardi nelle proprie decisioni, lotta tra la vita e la morte in ospedale. Sua moglie, Carmela, è convinta che a sparare a Edoardo siano stati gli uomini di Don Salvatore. Edoardo sarebbe stato dunque tradito dall’uomo che considerava come un padre per lui. Per sopravvivere Edoardo ha bisogno di una trasfusione di sangue, e ad aiutarlo è stata Teresa, la collaboratrice del penitenziario con cui aveva intrapreso una relazione nelle scorse stagioni.

Silvia si è trasferita nella casa dell’avvocato D’Angelo, ma non sa che l’uomo nasconde lì i soldi sporchi della famiglia Ricci. Cardiotrap vive la competizione con Giulia, diventata nel frattempo famosa dopo aver rubato a lui e Chiattillo la canzone Origami all’alba. Kubra ha scoperto che Beppe è suo padre, e non riesce ad accettare questa sconvolgente notizia, nonostante il supporto di Pino. Per i ragazzi dell’IPM è arrivato il momento di crescere e guardare verso il futuro. Ma per farlo è necessario capire prima cosa si vuole diventare da grandi.

La scorsa stagione ha visto l’addio alla serie di diversi personaggi chiave. Filippo, interpretato da Nicolas Maupas, è stato trasferito nel carcere minorile di Milano, salutando forse per sempre Napoli. Anche la sua amata Naditza (Valentina Romani) ha lasciato la serie. Personaggio controverso, Viola (Serena De Ferrari) ha perso la vita cadendo dal tetto dell’IPM. Anche Pirucchio, interpretato da Nicolò Galasso, è stato ucciso nella scorsa stagione, dopo essere riuscito, seppur per poco, a ricostruirsi una vita fuori dal penitenziario. Ma ricominciare da zero per i giovani detenuti non è mai una scelta senza pericoli. Se invece siete curiosi del cachet degli attori di Mare Fuori, scopritelo qui.

L’inizio di una nuova storia

Massimiliano Caiazzo e Maria Esposito in una scena della terza stagione della serie tv Mare Fuori

I primi due episodi di questa nuova stagione, Nel nome dell’amore e Il vecchio e il giovane leone, sono necessari per riprendere i fili della narrazione precedente. Le storie portate avanti dalla scrittura di Cristiana Farina e Maurizio Careddu (creatori della serie) sono molteplici e per poterle ricostruire tutte c’è bisogno di tempo. I primi cento minuti di Mare Fuori 4 hanno l’obiettivo di aiutare lo spettatore a rimmergersi nella marea di eventi che accadono fuori e dentro l’IPM.

Nel mentre, poco alla volta, iniziano a essere presentati i nuovi temi e i nuovi personaggi che prenderanno spazio nella serie. Tra questi una nuova detenuta, senza nome e senza documenti, che è stata accusata di omicidio a si rifiuta categoricamente di parlare. Tramite flashback, si presenta al pubblico anche una donna centrale della storia della famiglia Ricci: la madre di Ciro, Rosa e Pietro. Tutti gli interrogativi lasciati dalla terza stagione vengono risolti. Si scopre chi è rimasto ferito dal colpo di pistola di Rosa Ricci, chi ha fatto la scritta omofoba contro Cucciolo, come sta Edoardo dopo l’intervento.

Mare Fuori 4 non rinuncia al suo spirito, intrecciando costantemente dramma e ironia, e rende inevitabile l’affezionarsi ai ragazzi dell’IPM. Il tema della famiglia è sempre più presente e divide i detenuti. Se da un lato Carmine, Mimmo, Kubra, Dobermann, Cucciolo e Micciarella vivono la consapevolezza che esiste un’altra realtà al di fuori della famiglia di appartenenza, altri personaggi non sono della stessa idea. Pino, Edoardo, Cardio, Giulia e Silvia vivono il peso di legami familiari che condizionano inevitabilmente la loro vita. Ma l’obiettivo della serie, sempre più chiaro nel corso delle stagioni, è quello di mostrare l’alternativa, dare una possibilità di riscatto anche a chi non crede di meritarsela.

Nell’attesa dell’uscita di Mare Fuori 4 su RaiPlay, la casa di produzione Picomedia ha annunciato un progetto senza precedenti per gli amanti della serie. Seguiteci per tutti gli aggiornamenti!

Facebook
Twitter