C’era una volta in America: la trama completa del film

C’era una volta in America è oggi uno di quei film di cui si dice che “fa scuola”. Il titolo di Sergio Leone trova tutta la sua grandezza nell’incastro di più piani temporali per un’unica trama che, in questo modo, si avvolge nel mistero e nella simbolicità. Ecco la ricostruzione cronologica dei fatti!
Una scena del film C'era una volta in America

C’era una volta in America ma non soltanto una volta e non soltanto in America. Perché c’è anche questa sera, 27 novembre 2023, sul canale 27 alle 21.30. Il film di Sergio Leone, che chiude la trilogia del tempo, va in onda in tv e noi proviamo a ricostruire il puzzle della trama in ordine cronologico, smontando e ricomponendo i flashback e le anticipazioni che hanno reso il film “una lezione di cinema“.

Nel quartiere ebraico del Lower East Side, nel 1920, vivono in povertà quattro ragazzini che lavorano per un gangster irlandese di nome Bugsy. Si chiamano: Noodles, Patsy, Cockeye e Dominic e vogliono lavorare per conto loro. Durante una scorribanda conoscono Max, da poco trasferito nel quartiere, che diventerà grande amico di Noodles e leader della banda insieme a lui. Il bersaglio della giovane banda è Whietey – un poliziotto del luogo – e un giorno lo fotografano mentre frequenta la prostituta Peggy, per poterlo ricattare.

Appena Bugsy viene a conoscenza della banda, autonoma, e scappata al suo controllo, i suoi scagnozzi picchiano Noodles e Max e rubano tutti i soldi che i due giovani avevano con sè. Imperterriti, trovano un accordo con un mafioso italiano, Al Capuano. Dopo un altro colpo di Bugsy, però, il più piccolo Dominic perderà la vita fra le braccia di Noodles. Per vendicare il compagno, Noodles pugnala a morte Bugsy, accoltela uno dei poliziotti che stava intervenendo, e viene condannato a 12 anni di carcere.

Arriviamo al 1932, quando Noodles viene fatto uscire di prigione e accolto da Max. Voi in che posizione lo mettereste in questa classifica sui ruoli di cattivo di Robert De Niro? Gli amici dell’ex detenuto, finché è stato in carcere, hanno messo su un grande giro di contrabbando di liquori. Hanno cavalcato l’onda del proibizionismo, e si sono coperti dietro un’attività di pompe funebri.

Nel 1933 la banda appoggia un leader sindacale, Clean Hands, e si interessa allo sciopero dei lavoratori organizzato da Vincent Aiello. Noodles intanto continua ad essere innamorato di Deborah, la quale non smette di essere riluttante a lui (fin da quando erano bambini).

Con il proibizionismo sempre più vicino alla fine, la banda di C’era una volta in America si trova senza lavoro. Noodles e Max vanno in vacanza in Florida: pensano ad un piano per rapinare una banca. Noodles, per evitare la rapina, fa una soffiata alla polizia per ottenere l’arresto di Cockeye, Patsy e Max. La notte seguente trova Patsy e Cockeye uccisi, Max bruciato.

Con la morte del resto della banda, quattro mafiosi avversari inseguono Noodles, sia a casa – dove uccidono Eve – sia da Fat Moe, che torturano. Riuscendo a realizzare una fuga, se ne va a Buffalo e si stabilisce lì.

Noodles torna a Manhattan soltanto nel 1968, perchè un rabbino locale gli ha comunicato che il cimitero sta chiudendo e i resti delle persone che sono sepolte lì verranno spostati. Si stabilisce nel vecchio bar di Fat Moe e inizia ad indagare su quanto è venuto a sapere. Teme che, piuttosto che per assistere alla sepoltura della sua banda, qualcuno lo abbia richiamato per vendicarsi di lui.

Nel vecchio cimitero del quartiere Noodles scopre un mausoleo costruito per i suoi amici e, mentre parla con la direttrice del cimitero, si accorge di essere seguito da una Cadillac. Trovata la chiave di un armadietto della stazione, ci trova più di un milione di dollari con un biglietto: “pagamento anticipato per il tuo prossimo lavoro“.

Intanto, al telegiornale Noodles sente parlare del senatore Bailey, indagato per corruzione: tutti i testimoni che sarebbero stati contrari a Bailey nel processo, sono morti in un modo misterioso. Il nostro Noodles inizia a sospettare un legame fra questa faccenda e i suoi soldi. Incontra Deborah, gli rivela di essere l’amante di Bailey e lo invita ad una festa nella sua villa.

Alla festa Noodles scopre che Bailey è in realtà Max. Gli rivela che ha finto la propria morte e che si è nascosto dietro al personaggio di Bailey per 30 anni. Max dice all’amico che si lascerà uccidere soltanto da lui, perché gli ha rubato i soldi della banda e la donna.

Noodles rifiuta di uccidere Max ed esce di casa. Cosa accade nel finale ci C’era una volta in America e qual è il significato reale ve l’abbiamo spiegato in quest’articolo.

Facebook
Twitter