Zerocalcare dice no al Lucca Comics: “Il patrocinio di Israele un problema”

A seguito dei recenti attacchi terroristici a Gaza, il fumettista Zerocalcare ha annunciato la sua mancanza al Lucca Comics & Games di quest’anno. Il motivo è da ricercare nella collaborazione tra il festival e l’ambasciata Israeliana. La società che gestisce l’evento ha deciso di rispondere alle ultime vicende.
Michele Ren è Zerocalcare nella serie Questo mondo non mi renderà cattivo

Il fumettista Michele Rech, noto con lo pseudonimo di Zerocalcare, ha confermato la sua assenza alla fiera Lucca Comics & Games. Lo scrittore ha annunciato la sua decisione con un post social nel quale esprime tutta la sua vicinanza alle vittime dei recenti attentati, spiegando come tale scelta dipenda dal patrocinio alla manifestazione dell’ambasciata israeliana.

Purtroppo il patrocinio dell’ambasciata israeliana per me rappresenta un problema. In questo momento, in cui a Gaza sono incastrate due milioni di persone, venire a festeggiare lì dentro rappresenta un cortocircuito che non riesco a gestire. Mi dispiace nei confronti della casa editrice, dei lettori e lettrici e anche per me stesso“. Queste sono state le parole di Michele a proposito dei recenti avvenimenti. Il fumettista continua chiedendosi come l’organizzazione del festival non abbia potuto interrogarsi sulla collaborazione con un governo che continua a perpetrare crimini di guerra.

La risposta della società organizzatrice, Lucca Crea, non è tardata ad arrivare spiegando le motivazioni di questa collaborazione iniziata prima degli attacchi: “Lucca Comics & Games è da sempre un luogo sicuro per le differenze. Fin dall’inizio stiamo seguendo il dibattito in atto sul patrocinio ricevuto in primavera dall’Ufficio Culturale dell’Ambasciata Israeliana in Italia. Questo patrocinio, non oneroso, è stato ricevuto per riconoscere il valore del nostro programma culturale. Questa attribuzione istituzionale deriva da un lavoro durato quasi un anno. Il progetto ha coinvolto due artisti noti e apprezzati in Italia e nel mondo, Asaf e Tomer Hanuka”

L’organizzazione ha voluto precisare che la decisione di abbandonare il patrocinio fosse stata presa in considerazione, ma rigettata in un secondo momento. Per loro non sarebbe risultata corretta nei confronti di tutti coloro che lavorano al festival e dei suoi partecipanti. Intanto anche grosse aziende come Disney stanno offrendo il loro aiuto alle vittime dei bombardamenti. 

Zero è tornato sui piccoli schermi con la serie Questo mondo non mi renderà cattivo, un racconto più politico del precedente ma ornato dal suo stile con alcuni easter egg molto pittoreschi. Cosa ne pensate della decisione di Zerocalcare? Fatecelo sapere con un commento!

Facebook
Twitter