Vi presento Christopher Robin: la storia vera dietro al film

Spesso dietro le meravigliose storie che ci hanno tenuto compagnia da bambini si cela qualcosa di drammatico. È il caso del personaggio di Winnie the Pooh, la cui nascita viene raccontata nel film Vi presento Christopher Robin che verrà trasmesso questa sera in televisione.
Domhall Gleeson e Will Tilston in una scena del film Vi presento Cristopher Robin

Oggi, 21 aprile 2024, andrà in onda, alle 21:13 su Iris, Vi presento Christopher Robin, biopic drammatico diretto da Simon Curtis. Il cineasta porta sullo schermo il dramma dietro la nascita del personaggio di Winnie the Pooh, amato da milioni di bambini ma che cela alle sue spalle una storia di abbandono e risentimento che non rispecchia la figura dell’orsetto amato dai più piccoli. Domhnall Gleeson e Margot Robbie interpretano rispettivamente lo scrittore Alan Alexander Milne e la moglie Daphne. 

Dopo la Grande Guerra, che ha segnato irrimediabilmente lo scrittore, e a seguito di un blocco creativo, Milne decide di lasciare Londra per trasferirsi in campagna con la famiglia nella speranza di trovare ispirazione per un nuovo romanzo. Il film si mescola perciò alla realtà, raccontando di fatto la vera storia che ha portato alla nascita di Winnie the Pooh. Se ancora non avete visto il film, di cui qui trovate la nostra recensione, e volete recuperarlo vi sconsigliamo di proseguire nella lettura, troverete solo SPOILER ad attendervi.

La storia vera che ha ispirato Vi presento Christopher Robin

Come stavamo dicendo, Milne e famiglia si trasferirono in campagna, lontani dalla frenetica Londra in cerca di un luogo più tranquillo nel quale lo scrittore potesse lavorare in pace al suo prossimo romanzo. L’uomo solitamente giocava con il figlio utilizzando i vari peluche che regalavano al bambino. Edward, l’orsacchiotto preferito del figlio, fornì allo scrittore l’idea per il personaggio di Winnie the Pooh e i suoi amici. La campagna invece ispirò il bosco dei cento acri, luogo nel quale vivono i suoi personaggi.

Il figlio divenne fonte di ispirazione per lo scrittore, che decise di trasporlo all’interno del suo racconto con il personaggio di Christopher Robin, amico in carne ed ossa di Winnie the Pooh. Con l’arrivo del successo, il rapporto tra padre e figlio non migliorò ma andò incrinarsi sempre di più. Momenti intimi della loro vita privata vennero resi pubblici attraverso le storie dello scrittore. Da un lato, Milne iniziò a nutrire una certa gelosia nei confronti del figlio, sul quale il pubblico e la stampa concentravano le proprie attenzioni. 

Dall’altro il giovane Christopher, che non aveva chiesto niente di tutto ciò, finì per essere bullizzato dai suoi coetanei. Ad aggravare la situazione, una madre distante che lasciò le cure del figlio in mano alla bambinaia. Crescendo Christopher seguì le orme del padre, diventando scrittore e proprietario di una libreria nella quale si rifiutò categoricamente di vendere le opere con la firma del genitore. Insomma non proprio un lieto fine.

Stasera potrete perciò recuperare questo dramma familiare in tv. Un dramma che portato alla nascita di uno dei personaggi più amati dai bambini, trasporto in varie salse. Ad esempio la recente versione horror, di cui qui trovate la nostra recensione. Vi aspettiamo nei commenti per conoscere la vostra opinione su Vi presento Christopher Robin.

Facebook
Twitter