Van Helsing è esistito davvero? La storia vera dietro al film

Questa sera il 20 di Mediaset ripropone Van Helsing, pellicola del 2004 di Stephen Sommers. Hugh Jackman interpreta il saggio e impavido cacciatore di vampiri che si metterà a caccia del Conte Dracula su precisi ordini del Vaticano. Bram Stoker, per sviluppare il personaggio ormai icona del genere horror, si è però ispirato a fatti storici.
Hugh Jackman in una scena del film Van Helsing

Lunedì sera all’insegna di vampiri e lupi mannari con Van Helsing. Il film del 2004 con Hugh Jackman va in onda alle 21:05 sul canale 20. La pellicola è stata scritta e diretta da Stephen Sommers e prodotta dalla Universal Pictures, con l’intenzione di inserirla in un progetto omaggio ai classici horror della casa che si sarebbe dovuto sviluppare su più film. Sommers ha infatti dichiarato di essersi ispirato a film quali Al di là del mistero La casa degli orrori. Tuttavia le reazioni non entusiaste di pubblico e critica stroncarono in partenza lo sviluppo del primo sequel.

Abraham Van Helsing, celebre cacciatore di vampiri e nemico giurato del Conte Dracula, ottiene qui, meritatamente, un film a lui interamente dedicato. A darne il volto è il su citato Jackman – che conosciamo bene per ruolo di Wolverine, che l’ha accompagnato tutta la vita e continuerà a farlo nel prossimo futuro – in ottima compagnia de il Dottor Jekyll e Mister Hyde, Frankenstein, dell’Uomo lupo e ovviamente dall’immancabile Conte Dracula.

Nell’ordine interpretati da Robbie Coltraine, star di Harry Potter che ci ha lasciati lo scorso anno, Shuler Hensley, Will Kemp e Richard Roxburgh. Nel cast abbiamo poi anche Kate Beckinsale, che interpreta Anna Valerious. La principessa offrirà ospitalità a Van Helsing giunto in Transilvania inviato in missione dal Vaticano. Anna deciderà poi di unirsi al cacciatore e a frate Carl nella loro spedizione ai danni del Conte Dracula.

Il personaggio di Van Helsing, come ben sappiamo esce dalla mente di Bram Stoker che si è però a sua volta ispirato ad aneddoti, leggende folkloristiche, ma anche a personaggi storici. Iniziamo con il nome, che secondo alcuni potrebbe fare riferimento ad Abraham Van Riebeeck, all’epoca governatore di Città del Capo originario dei Paesi Bassi. Non possiamo poi non citare Paracelso, o meglio Philippus Aureolus Theophrastus Bombastus von Hohenheim.

L’alchimista era noto nel 1500 per il suo particolare interesse per l’esoterismo e il soprannaturale. Ricordiamo infatti che Van Helsing, nel romanzo del 1897, prima che paladino nemico di mostruose creature, è un rinomato professore all’Università di Amsterdam, nonchè medico con una spiccata conoscenza delle malattie mentali e dell’occulto.

Facebook
Twitter