Una famiglia vincente – King Richard: la storia vera che ha ispirato il film

Una Famiglia Vincente - King Richard, con Will Smith nei panni del protagonista, racconta l’ascesa delle sorelle Williams nel mondo del tennis. Il film torna questa sera in prima serata su Canale 5. In questo articolo, esploreremo la trama e la storia vera a cui si ispira il film.
Will Smith (Richard Williams), Saniyya Sidney (Venus Williams) e Demi Singleton (Serena Williams) in una scena del film Una famiglia vincente - King Richard

Una famiglia vincente – King Richard è un film biografico drammatico del 2021 che narra la storia di Richard Williams, padre e allenatore delle leggendarie tenniste Venus e Serena Williams. Diretto da Reinaldo Marcus Green e sceneggiato da Zach Baylin, il film si è distinto nella stagione dei premi, ottenendo sei nomination agli Oscar, inclusa quella per il Miglior Film. Per gli appassionati dei biopic, Una famiglia vincente rappresenta un’opera da recuperare soprattutto per la performance di Will Smith nel ruolo di Richard. Il film si prende alcune libertà narrative rispetto agli eventi reali, forse per mantenere alta l’attenzione del pubblico. Scopriamo insieme la trama e le verità che ha ispirato questo film.

Di cosa parla Una famiglia vincente – King Richard

Una Famiglia Vincente – King Richard segue la vita di Richard Williams, interpretato da Will Smith – di cui ricordiamo i suoi momenti migliori e peggiori in un nostro articolo dedicato – un padre determinato a creare un futuro straordinario per le sue due figlie, Venus e Serena Williams, in un quartiere difficile di Compton, California. Prima ancora della nascita delle sue bambine, Richard aveva stilato un piano di 85 pagine per la loro vita, con l’obiettivo di farle intraprendere sin da piccole la carriera nel tennis. Quando finalmente Venus e Serena vengono al mondo, Richard inizia a mettere in atto il suo piano, affinché le due diventino campionesse del tennis e rappresentino una rivincita per le persone di colore nel mondo dello sport. Non sono mancati gli ostacoli da superare, sia a livello personale che professionale, mentre aspettava quel momento speciale.

La storia vera dietro Una famiglia vincente – King Richard

Il film con Will Smith, pur essendo basato su eventi reali, soprattutto quelli legati all’ambizione di Richard Williams di fare delle sue figlie delle campionesse di tennis, tende a omettere alcuni aspetti della sua personalità, forse per rendere la storia più apprezzabile al pubblico. Richard Williams, nato e cresciuto a Shreveport in Louisiana, ha vissuto episodi di razzismo negli anni ’40 e ’50, che lo hanno portato a sviluppare un rancore verso i bianchi. Trasferitosi in California, Richard scopre una passione per il tennis e inizia a prendere lezioni, coltivando l’idea che, se avesse avuto dei figli, li avrebbe guidati al successo in questo sport. Sposatosi per la seconda volta con Oracene Price e in attesa delle sue figlie, Richard redige un dettagliato piano di 85 pagine per la loro vita ancor prima della loro nascita, con l’intento di farle diventare campionesse e dimostrare che anche i neri possono eccellere nel tennis.

Alla nascita di Venus e Serena Williams, e non appena compiono 4 anni, Richard inizia a realizzare il suo piano. Dietro al suo obiettivo non vi è solo il desiderio di rivalsa nei confronti dei bianchi, ma anche l’ambizione di arricchirsi attraverso il successo delle figlie, un aspetto che il film sceglie di non mostrare, preferendo evidenziare i lati più positivi della figura paterna. Il lato più controverso di Richard, come la sua infedeltà, il suo ego e le sue discutibili pratiche commerciali, viene quindi trascurato. Nonostante le azioni discutibili di Richard, Venus e Serena Williams hanno sempre espresso gratitudine nei confronti del padre nelle interviste, riconoscendo il suo ruolo fondamentale nel raggiungimento del loro successo.

Se dopo Challengers, l’ultimo film di Luca Guadagnino che noi abbiamo recensito per voi, siete in astinenza di film sul Tennis, vi ricordiamo che Una famiglia vincente andrà in onda questa sera su Canale 5 alle ore 21.30.

Facebook
Twitter