Ultimatum alla terra: trama e cast del film con Keanu Reeves

Quando Robert Wise decise di dirigere uno dei film di fantascienza più iconici della stoia, sicuramente non sapeva che molti anni dopo sarebbe stato ribaltato da un regista conosciuto per i suoi horror come Derrickson. Il film sopravvive solo grazie ad un cast eccezionalmente ricco, con nomi super iper conosciuti. Qui sotto trovi tutti i dettagli!
Keanu Reeves nel poster del film Ultimatum alla terra

Mettete insieme un film di fantascienza concettuale, asciutto e confezionato nei minimi dettagli, ed un regista famoso per i suoi horror che decide di prendere in mano una sceneggiatura del genere e rivederla come solo lui sa fare. Il risultato? Ultimatum alla terra (2008).

Lo statunitense Scott Derrickson dopo aver ottenuto tre anni prima un enorme successo con L’esorcismo di Emily Rose (considerate 145 milioni di dollari incassati in tutto il mondo a fronte di un budget di 19) ha deciso di prendere in mano e rivedere la sceneggiatura dell’originale Ultimatum alla Terra (1951) scritta e diretta da Robert Wise. Non uno qualunque, ma uno dei cineasti più popolari della Hollywood degli anni cinquanta e sessanta, nonché vincitore di Oscar per musical come West Side Story e Tutti insieme appassionatamente. Opera a dire poco coraggiosa.

Nonostante la demolizione da parte della stampa, questa prova registica ha un pro, ovvero quello di aver riunito in un unico lungometraggio due ore alcuni dei nomi più noti e di successo di quel 2008. Potremmo benissimo definirla l’esperienza terribile di un regista che ha messo su un cast coi controfiocchi.

La cornice è quella apocalittica. Il protagonista si chiama Klaatu ed un alieno dalla affascinante e prestanti sembianze umane che giunge sulla Terra con uno scopo preciso: quello di avvertire il genere umano. Capelli corvini e perfettamente in ordine, occhi piccoli ma penetranti, Klaatu è interpretato da Keanu Reeves, il cosiddetto gentiluomo di Hollywood nonché una delle migliori scelte che il regista potesse mai fare. All’epoca all’attivo nel genere sci-fi con personaggi come Neo di Matrix, è perfetto nel suo ruolo di uomo catatonico che mette in guardia il pianeta Terra sull’imminente distruzione da parte di una civiltà superiore.

L’emotività del film la costruisce Jennifer Connelly, vincitrice del premio Oscar come attrice non protagonista in A Beautiful Mind, che veste benissimo i panni della scienziata Helen Benson convocata dai poteri alti per porre rimedio al problema. La donna e suo figlio Jacob, interpretato da un giovanissimo Jaden Smith alle prime armi, sono gli unici che saranno in grado di costruire un vero dialogo con il gelido uomo alieno.

A sostenere tutta questa impalcatura di vicende e di dialoghi ci sono anche l’Oscar Kathy Bates (Misery non deve morire, Titanic), nel ruolo dell’arcigna segretario della difesa degli Stati Uniti d’America Regina Jackson, e Jon Hamm, il Don Draper da Golden Globe nella serie Mad Men, che qui ha il ruolo del risoluto dottor Michael Granier amico di Helen.

L’attore Kyle Chandler, sempre presente in cast pluripremiati come quelli di Argo, The Wolf of Wall Street e Manchester by the Sea, invece è John Driscoll. Da menzionare la curiosa scelta di John Cleese per interpretare il personaggio di Barnhardt, professore premio Nobel. Un ruolo drammatico, curioso da affidare all’uomo che ha alle spalle anni di recitazione divertente come uno dei membri del gruppo che ha rivoluzionato il modo di far ridere in televisione e al cinema.

Come vedete tutta una serie di nomi di spessore, finiti in una storia che forse non regge il peso della loro importanza. Ma non preoccupatevi per Derrickson; dopo essere finito in quella prigione fittizia in cui viene catapultato un regista dopo un flop così grande, si è ripreso egregiamente dirigendo niente di meno che il primo Doctor Strange per i Marvel Studios.

Ultimatum alla Terra lo trovate stasera 19 dicembre 2023 alle ore alle 21.20 su Cielo. Scriveteci nei commenti cosa ne pensate voi!

Facebook
Twitter