Toy Story 4: in ritardo di un anno perché è stato riscritto

È iniziato tutto con l’uscita dal progetto di Rashida Jones e Will McCormack, a cui era stata inizialmente affidata la sceneggiatura. I due avevano abbandonato la stesura a seguito di alcune divergenze con la Pixar, seguite immancabilmente da delle polemiche. Dunque lo script è stato poi scritto da Stephany Folsom.

Ma ciò ha comunque causato un ritardo di produzione, e così Toy Story 4 è stato rimandato di un anno: inizialmente ne è stata annunciata la lavorazione nel lontano 2014, ma il film d’animazione uscirà in sala solo il 21 giugno 2019 (e non un anno prima, come nei piani iniziali).

Le motivazioni di questo rinvio sono state spiegate nel dettaglio dall’attrice Annie Potts, che doppia la pastorella Bo Peep, in un’intervista a RadioTimes.com:

“Il film sarebbe dovuto uscire quest’anno ma ne hanno gettato via tre quarti e lo hanno riscritto. Solitamente per produrlo ci vogliono due anni, dall’inizio alla fine, ma dato che ne hanno buttato gran parte nella spazzatura hanno dovuto ricominciare daccapo e estendere i tempi. Stiamo lavorando parecchio. È bello lavorare con la Pixar proprio perché si prendono il loro tempo, è un lavoro scrupoloso: se non gli piacciono delle sezioni intere, buttano e ricominciano daccapo. C’è una grande libertà creativa.”

Il personaggio doppiato dalla Potts era stata tagliato da Toy Story 3 (“Ci sono rimasta un po’ male. Ma poi mi hanno spiegato il motivo per cui volevano tenermi per il 4.”) ma a quanto pare non solo ritornerà, ma tornerà da protagonista. Il nuovo capitolo sarà proprio incentrato su Bo Peep e sulla storia d’amore della pastorella col cowboy giocattolo Woody, doppiato da Tom Hanks. Il cast comprende anche Tim Allen, Patricia Arquette e Joan Cusack. La regia sarà di Josh Cooley, che per la prima volta si cimenterà in cabina di un film d’animazione.

Questa e altre notizie nella sezione News di CiakClub.it

 

Facebook
Twitter