Tom Holland: “WandaVision è il miglior show della Marvel che abbia mai visto”

Tom Holland, intervistato in occasione del lancio di Cherry in un podcast di ScreenRant, ha speso alcune parole sui nuovi prodotti della Fase 4 dell’MCU, fase che lo vedrà ancora protagonista nei panni dell’uomo ragno con il film Spider Man: No way home.
Il giovane attore britannico, in particolare, si è detto un grande fan di WandaVision, serie uscita su Disney+, che ha riscontrato un enorme successo di pubblico e che è stata da molti definita come il miglior prodotto che la Marvel sia riuscita a produrre nell’ambito dell’MCU:

Al momento sto amando WandaVision, è senza dubbio il miglior show della Marvel che abbia mai visto. Ovviamente sono molto entusiasta per The Falcon and The Winter Soldier. Ho avuto un mio famoso rapporto, strano e roccioso, con questi due [Sam e Bucky], ma li amo entrambi e sono curioso di sapere come andrà a finire. Ritengo, inoltre, che la serie dedicata a Loki possa essere qualcosa di veramente eccezionale.”

Le serie Loki e The Falcon and The Winter Soldier sono molto attese dai fan dell’MCU che hanno visto in WandaVision un alzamento dell’asticella qualitativa.
Loki arriverà su Disney+ a giugno mentre The Falcon and The Winter Soldier uscirà sulla piattaforma a il 19 marzo, fra meno di due settimane.

Tom Holland ha raccontato anche della preparazione al ruolo da lui interpretato in Cherry, il film dei fratelli Russo che lo vede protagonista e che è appena uscito nelle sale statunitensi:

“E’ stata davvero dura. Ho dovuto perdere peso per tre mesi prima di iniziare le riprese. In realtà le cose che ho fatto sono state semplici. Sono andato a correre ogni giorno e non ho mangiato nulla, nulla di così divertente o avventuroso. Poi quando abbiamo finito la parte di film in cui interessava l’esaurimento del mio fisico ho ricominciato a mettere su peso. In realtà, facendo Spider-Man, son cose a cui ero già abituato. Ciò che mi è stato davvero difficile è stato invece l’aspetto mentale. Al primo giorno di riprese non ero per nulla preparato e al termine della scena iniziale del film ero davvero esausto. I Russo però mi hanno rassicurato dicendomi di stare tranquillo perchè tanto avevamo 70 giorni di riprese.”

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Facebook
Twitter