Perchè Matthew McConaughey batteva il pugno in The Wolf of Wall Street?

The Wolf of Wall street è uno di quei film cult che devono essere visti, e sono resi ancora più interessanti dalle chiacchere sui retroscena, raccontati dagli attori stessi, come ha fatto Matthew McConaughey.

Ed è proprio McConaughey a svelarci numerose curiosità durante la noiosa e infinita quarantena attraverso dei video su Twitter settimanali, chiamati scherzosamente McConaughey Takes, vari retroscena che riguardano la sua carriera, i suoi film più famosi e le sue interpretazioni più memorabili.

L’ultimo di questa serie ha concentrato l’attenzione dell’attore sul film The Wolf of Wall Street, in particolar modo la lente d’ingrandimento è stata posta su una delle scene più famose: quella nella quale il suo personaggio, Mark Hanna spiega al giovane Jordan Belfort (Leonardo DiCaprio), alcuni trucchi del mestiere durante un pranzo di lavoro.

“A volte hai una battuta nel copione che accende l’immaginazione. Se la scomponi, allora sul tuo personaggio trovi un’enciclopedia.” La battuta di Mark Hanna è questa, mentre spiega come fare soldi al personaggio di Leonardo, dice “Il segreto sono cocaina e prostitute”. L’ho letta e ho pensato “Se questo tizio ci crede sul serio, che razza di persona è?” .

Nel film di Martin Scorsese, l’intenzione di un’aggiunta arriva proprio da quest’ultima intuizione, dove Matthew McConaughey ha improvvisato una sorta di canto trasformatosi poi in un inno ancestrale, battendosi il pugno sul petto.

“Cantare è qualcosa che faccio in molti film. É un modo di rilassarmi, essendo musicale mi libera la mente perché non voglio pensare come un attore, voglio solo agire. Lo facevo prima di ogni scena e al ciak iniziavo. Mi aiuta a modulare la voce. Mentre preparavamo la scena successiva a quella del pranzo, Leonardo mi ha detto “Cos’è quella cosa che fai prima di ogni ciak? Se la mettessimo in scena? “

Ecco la spiegazione direttamente da Matthew McConaughey sul perché di quella scelta.

Per questa e altre notizie seguiteci su Ciakclub.it

Facebook
Twitter