The Witch: in che anno è ambientato il film di Robert Eggers?

Da qualche anno sono comparsi diversi volti nuovi nel panorama orrorifico. Robert Eggers è tra questi, e sicuramente il suo lavoro merita un'attenzione particolare. In attesa del suo remake di Nosferatu, stasera potrete recuperare il suo grande debutto
Anya Taylor-Joy in una scena del film The Witch

Oggi, 19 gennaio 2024, andrà in onda su Italia2 alle 21:25 The Witch, pellicola horror del 2015 diretta da Robert Eggers. Presentato al Sundance Film Festival, il film ha ottenuto il premio per la miglior regia e un plauso generale da parte della critica. Il primo lungometraggio di Eggers ha così raggiunto un grande successo, riuscendo a guadagnare 40 milioni di dollari al botteghino al fronte di 4 milioni di dollari di budget.

In realtà non c’è da stupirsi. Eggers ha preparato il suo debutto perfezionando tecnica ed estetica con i tre cortometraggi che precedono l’uscita di The Witch. Già dal suo primo titolo il regista consolida così una propria firma, proponendo gli elementi che andranno a rappresentare la sua filosofia. Brutalità, mitologia e terrore psicologico sono solo alcuni degli aspetti che legano il film ai titoli diretti da Eggers successivamente: The Lighthouse e The Northman, di cui trovate qui la nostra recensione.

I suoi film sono tipicamente inseriti in un preciso contesto storico. Nel caso di The Witch ci troviamo nella regione della Nuova Inghilterra, nel 1630. Eggers racconta così il folklore tipico dei villaggi che abitavano quelle terre. I nostri personaggi si trovano coinvolti in un incubo psicologico tra streghe, superstizione e bugie. Anya Taylor-Joy, qui al suo debutto sul grande schermo, affine le sue doti in un’interpretazione che bilancia drammaticità e terrore. 

L’attrice, ormai star indiscussa, tornerà nelle sale con Furiosa, prequel di Mad Max: Fury Road. Se ancora non siete riusciti a vedere nessuna delle opere dirette da Eggers, fatevi un favore, e iniziate a recuperarle, magari partendo proprio con The Witch. Vi aspettiamo nei commenti per conoscere la vostra opinione.

Facebook
Twitter