The Marvels floppa al botteghino, Stephen King: “Perchè esultate?”

The Marvels è già un flop al botteghino e c’è chi gongola dell’ennesimo fallimento della Marvel. Tra le file dei detrattori di certo non troviamo Stephen King, che da Twitter castiga le iene, dichiarandosi contro l’esultanza per il flop dell’ultimo prodotto MCU. Leggi subito!
Stephen King e il poster di The Marvels con le eroine del film

Non è un segreto: la Marvel non è più quella di una volta. Checchè se ne pensi a livello personale, i numeri parlano chiaro. Già Ant-Man and the Wasp: Quantumania aveva dato risultati deludenti e adesso anche l’attesissimo The Marvels non meraviglia al botteghino, anzi: floppa. Il film ha infatti sofferto del peggior box office per un prodotto Marvel: soltanto 47 milioni negli Stati Uniti e 65 milioni in tutto il mondo al weekend di apertura, contro un budget di 200 milioni. Sono in molti a gongolare sulla tomba dei film supereroistici, ma l’autore Stephen King non è fra loro.

Ormai il grande pubblico sembra saturo dei prodotti supereroistici, in particolare quelli Marvel, e per loro le sale sono sempre più vuote (con dovute eccezioni, come, ad esempio, Guardiani della Galassia Vol. 3). C’è chi vede nel fallimento di The Marvels la prova definitiva che convincerà gli studios che idel tramonto dei cinecomics, e quindi gioisce di un botteghino infausto. C’è chi si prende gioco della pellicola per pura goliardia. L’autore Stephen King, però, sembra trovarci poco di divertente in questa messa alla berlina. La commenta così in un suo tweet:

Non vado [a vedere] i film dell’MCU, non mi importa di loro, ma trovo questo malcelato gongolare sullo scarso botteghino di THE MARVELS molto spiacevole. Perché gongolare sopra a un fallimento?” dice lo scrittore.

La risposta che potremmo dare a King è che, come specificato prima, molti vedono nel fallimento della Marvel un segnale forte per le grandi case di produzione che le convinca a sfornare meno cinecomics. Martin Scorsese e Francis Ford Coppola ne sarebbero certo felici. Però non è detto che King abbia totalmente torto, a prescindere da ciò che si possa pensare su The Marvels. Accanto a un calo di qualità dei prodotti MCU già rilevato dalla critica, bisogna tenere conto anche dell’aumento dei personaggi femminili e non bianchi nel franchise. The Marvels, ad esempio, ha tre protagoniste femminili, di cui due non bianche.

Non stiamo dicendo che se un film completa la cartella del bingo della diversità dovrebbe essere acclamato come capolavoro, ma già da tempo i prodotti Marvel avevano accumulato critiche precisamente in relazione all’inserimento di nuovi eroi che non fossero biondi, muscolosi e virili come un Capitan America. Siamo sicuri che proprio tutte le critiche rivolte a The Marvels nascano da oneste opinioni cinematografiche e non, piuttosto, da un luogo più meschino? Se c’è un film MCU particolarmente predisposto a ricevere un responso negativo a causa della sua diversità, quello è proprio The Marvels.

Stephen King ci invita a essere meno severi coi fallimenti altrui e ci dà qualcosa su cui riflettere. E voi avete visto The Marvels? Qui vi lasciamo la nostra recensione. Per tutti gli aggiornamenti su cinema e serie tv, continuate a seguirci!

Facebook
Twitter