The Marvels, Bob Iger commenta il flop: “Pochi dirigenti a supervisionare”

The Marvels si è rivelato un vero flop al botteghino. Il film non è ancora riuscito a coprire i costi di produzione, segnando forse uno dei momenti peggiori per MCU. Il CEO di Disney, Bob Iger, ha recentemente trattato l’argomento durante un intervista.
Iman Vellani, Brie Larson e Teyonah Parris in una scena del film The Marvels

The Marvels è l’ultimo lungometraggio rilasciato dal Marvel Cinematic Universe. Prima della sua uscita è stato fonte di dibattito a causa di dati e dichiarazioni che spesso entravano in contraddizione. Persino il rilascio di un ultimo trailer molto più interessante dei precedenti, a breve distanza dall’uscita nelle sale, è stata una mossa poco chiara per i fan. Purtroppo la pellicola ha mantenuto le basse aspettative del pubblico, rivelandosi un vero e proprio flop per gli studios.

A diverso tempo dalla sua uscita, Bob Iger, CEO della Disney, si è lasciato andare ad alcune dichiarazioni in merito al poco successo del film. Durante il NYT Dealbook Summit, il dirigente ha rilasciato un’intervista nella quale ha affrontato diversi argomenti relativi all’azienda, tra cui il recente declino dei Marvel Studios. Iger ha affermato che “la qualità ha bisogno di attenzione, non si ottiene per caso. Nel nostro caso, la quantità ha diluito la qualità”

Rimanendo poi sul tema MCU, il CEO ha tirato in causa The Marvels, di cui potete trovare qui la nostra recensione. Per Iger, le cause del flop risalgono direttamente alle riprese. Il film infatti è stato girato durante la pandemia di COVID-19, motivo per la quale “non c’è stata la stessa supervisione sul set, dove abbiamo sempre dirigenti che controllano il lavoro giorno per giorno”. Iger si è poi dimostrato intenzionato ad aiutare lo studio a riprendere la giusta direzione creativa.

The Marvels purtroppo rimarrà comunque un flop, avendo segnato il peggior weekend d’apertura per MCU. Attualmente il film ha raggiunto un incasso globale di appena 188 milioni di dollari a fronte di un budget di 220 milioni. 

Facebook
Twitter