The Fabelmans: David Lynch ha accettato per un pacchetto di Cheetos

David Lynch compare negli ultimi secondo del film The Fabelmans di Steven Spielberg. Una comparizione piccola piccola, ma quanto mai significativa. Ma la ragione per cui Lynch ha accettato di ricoprire il ruolo è tutt'altro che cinematografica.
Il cameo di David Lynch (John Ford) in una scena del film The Fabelmans, pagato con un pacchetto di Cheetos

Ogni regista ha la sua ossessione. Michael Bay ama le esplosioni. Wes Anderson ha la fissazione della simmetria. Quentin Tarantino ha una mai nascosta passione per i piedi. David Lynch, a dir la verità, di ossessioni ne ha parecchie (l’onnipresente colonna sonora, il tempo, Laura Dern) ma solo una lo ha spinto a partecipare a The Fabelmans, ultimo film in ordine di tempo di Steven Spielberg: un sacchetto (possibilmente extra large) di patatine Cheetos.

Intervistato dalla rivista Empire, il regista di The Elephant Man, Cuore selvaggio (ispirato dal romanzo Il mago di Oz, un’altra ossessione di Lynch, come si vede in quest’opera da noi recensita) e Mulholland Drive ha rivelato un divertente aneddoto dietro la sua partecipazione alla pellicola di Spielberg nel ruolo di John Ford. “Non mi andava molto di comparire. Non sono mai stato troppo affine alla recitazione. Poi però ho accettato, un po’ per la bellezza della scena), un po’ per un altro motivo”. Un motivo tutt’altro che cinematografico.

Continua così Lynch. “Alla produzione avevo posto una condizione: un sacchetto di Cheetos. So bene che non sono i più nutrienti degli alimenti, ma adoro quegli snack. Ne vado pazzo, una tira l’altra. Quando posso, le compro. Non volevo altro come pagamento, solo questo”. The Fabelmans di Steven Spielberg (che anche a noi è piaciuto parecchio) è stato fatto e David Lynch è un John Ford leggendario. Evidentemente, il pegno in Cheetos è stato pagato.

Facebook
Twitter