Terry Gilliam presidente onorario dell’Umbria Film Festival

Reduce dal successo ottenuto a Cannes dal suo The Man Who Killed Don Quixote, Terry Gilliam è a Montone, padrino dell’Umbria Film Festival.

Pochi giorni prima dell’apertura ufficiale del Festival di Cannes, la paura è strisciata tra i cinefili di tutto il mondo, poiché alcune notizie, cautamente trapelate, parlavano di un malore che avrebbe raggiunto il regista Terry Gilliam. L’indomani, lo stesso regista appare in un Tweet condiviso dall’account del Festival di Cannes, dove rassicura sulla sua partecipazione alla proiezione di The Man Who Killed Don Quixote, un film nato nella mente del regista quasi un trentennio fa e che, tra molte vicissitudini, è finalmente giunto a conclusione raccogliendo pareri positivi.

Reduce dal successo riscosso a Cannes, Terry Gilliam non si ferma ed è pronto per partire alla volta di Montone, in Provincia di Perugia, dove dal 4 all’8 Luglio, si terrà l’Umbria Film Festival.

L’evento, che in un’ottica squisitamente #Metoo è diretto da Chiara Montagini, Vanessa Strizzi e Marisa Berna, vede il regista Terry Gilliam assumere il ruolo di Presidente onorario.

All’Umbria Film Festival il regista di The Man who Killed Don Quixote, presenterà il seguito della sua autobiografia: Gillemesque – un’autobiografia pre-postuma, edito da Edizioni Sur.

Verrà presentato lo spettacolo Oh That Chaplin a cura dell’attore napoletano Lello Arena, scritto a partire da alcune lettere autografe dello stesso Charlie Chaplin.

Nel programma la proiezione dell’opera prima di Nick Kelly: The Drummer and the keeper, la storia di Gabriel, un musicista in crisi a cui viene consigliato di superarla guardando le partite di calcio alla domenica; e l’austriaco Mademoiselle Paradis di Barbara Albert: la storia di un pianista non vedente, nella Vienna del settecento.

Umbria Film Festival consegnerà i premi per la migliore opera prima migliore opera seconda. 

Umbria Film Festival

Come di consueto, si terrà una tavola rotonda sul tema attualissimo della migrazione.

Facebook
Twitter