Tarantino: “Ho pensato di girare un reboot di Le Iene prima di ritirarmi”

Quentin Tarantino è stato intervistato, in occasione dell’uscita del romanzo tratto dal suo ultimo film, C’era una volta a… Hollywood, nel corso del programma Real Time with Bill Maher.
Il regista statunitense ha ripercorso brevemente la propria carriera e ha parlato dei suoi progetti futuri.
Alla domanda del presentatore sulla motivazione che spinge un regista all’apice della propria carriera a pensare al ritiro, Quentin Tarantino ha così risposto:

“Voglio ritirarmi proprio perchè sono all’apice della mia carriera. Conosco la storia del cinema e so che da un certo punto in poi i registi non possono più fare meglio di ciò che hanno già fatto.
Ho lavorato per trent’anni con tantissime persone, ho avuto una carriera davvero lunga. Ho dato tutto quello che avevo ho potuto dare al cinema. Ho dato tutto ciò che avevo da dare.
Prendiamo come esempio Don Siegel, avrebbe potuto chiudere la propria carriera con Fuga da Alcatraz. Sarebbe stato l’ultimo film di una carriera pazzesca. Ma poi ha concluso la propria carriera con due film indubbiamente minori e sottotono.”

Bill Maher ha poi chiesto a Tarantino se, potendo rigirare Le Iene, lo rigirerebbe come lo ha ha girato nel 1992. Il regista ha così risposto:

“Ovviamente no. Comunque ho seriamente considerato, nel corso degli anni, di fare un reboot del film, oggi. Ma state tranquilli. Non lo farò.”

Quentin Tarantino sta attualmente prendendo parte a numerose interviste per pubblicizzare la novellizzazione di C’era una volta a… Hollywood. In un’intervista rilasciata poche settimane fa il regista ha descritto il romanzo come un ampliamento delle storie dei personaggi presenti nel film. In particolare il libro avrà alcuni capitoli dedicati al passato di Cliff Booth, interpretato nel film del 2019 da Brad Pitt.
Il romanzo di C’era una volta a… Hollywood arriverà nelle librerie italiane a luglio, edito da La Nave di Teseo.

Per altre notizie continuate a seguirci su CiakClub.it

Facebook
Twitter